Vai al contenuto

Come recuperare un rapporto che sta finendo

Come recuperare un rapporto che, dopo una serie di problemi, rischia di andare in pezzi? A volte una relazione dura per sempre, altre alcuni mesi, anni o anche solo giorni: dobbiamo accettarlo, anche se è d’obbligo fare di tutto per salvaguardarla. Ad esempio ci sono alcuni segreti per mantenere un rapporto vivo, piccoli espedienti e attenzioni.

Potrebbe essere un rapporto a distanza, quindi molto complicato, anche in questo caso ci si deve impegnare e mettere in gioco. A volte potrebbe non bastare, e capirlo permette di non farsi troppo male.

Quando l’amore finisce tutto ci sembra terribilmente grigio, opaco, spento, inutile… Nella testa si affollano mille domande, mille dubbi e perplessità. La domanda che offusca tutte le altre è: questo amore è davvero finito?

A volte la risposta è sì, e se hai lasciato il partner, oltre al dispiacere proverai anche il senso di colpa per averla/o fatta soffrire. Se il tuo intento è di lasciarla/o, leggi l’articolo sui 7 punti per farlo nel modo più delicato possibile.

Discorso diverso se il partner ti ha detto addio, in questo caso sì che la risposta può essere differente. Come recuperare un amore che sta finendo? O meglio, l’amore è davvero finito?

Le parole per capire

Chiedere e saper ascoltare la risposta perché se l’amore non è finito, si può ancora recuperare!

Il corteggiamento fatto di sguardi a distanza, sorrisi ricambiati, mazzi di fiori al primo appuntamento, mani che si sfiorano per frazioni di secondo e lasciano il brivido fino all’incontro successivo è finito.

Si chatta, ci si dice tutto in poche parole e qualche faccina che appaiono mute sul display del cellulare. Applicazioni, siti e agenzie promettono il partner ideale in un click, in una foto, come se l’amore (o anche una relazione più leggera) potessero cadere dal cielo.

Molte storie iniziano proprio dal nulla, e soprattutto sprovviste di fondamenta solide e sicure, quelle basi che si gettano con i piccoli gesti e le piccole attenzioni tipiche del corteggiamento.

Un tempo si cresceva con un modello educativo genitoriale dove la coppia era unita e affrontava le difficoltà insieme per il bene dell’intera famiglia. Ora, sempre più spesso, si cresce con genitori divorziati, nuovi compagni, famiglie allargate…

L’amore di una coppia diventa labile e traballante, pronto a finire per lasciare spazio ad un secondo amore, forse ancor più pericolante del primo. Quale idea della coppia può avere un giovane uomo o una giovane donna?

E se l’amore, quello vero ci è davvero capitato tra le mani, spesso gli impegni quotidiani non ci consentono di coltivarlo nel modo appropriato. Come se una persona fosse nostra di diritto solo per una firma, un contratto o una stretta di mano.

Come recuperare un rapporto che sta finendo: qualche consiglio

Tanti possono essere i motivi per cui una relazione giunge alla fine, ma non bisogna disperarsi. Vediamo cosa si può fare per recuperarlo, quali mosse potrebbero risultare vincenti:

  • Positività. Per prima cosa evitare di abbattersi, la tristezza è il primo passo verso la depressione e questa brutta bestia non fa altro che velare gli occhi. Lo sconforto ci mostra una realtà distorta, diversa, più brutta e nera. Quando si è infelici si tende a ragionare meno lucidamente e mai come in una situazione simile abbiamo bisogno di riflettere con la testa in contemporanea con il cuore.
  • Lista. Fare una lista è sempre utile per avere nero su bianco cose del massimo rilievo. Scrivi cosa è significato per te questo amore, le date importanti, gli avvenimenti che hanno reso speciale quel rapporto. Su un altro foglio bianco imprimi i momenti che invece che ci hanno messo tristezza, quelli in cui non ci si è capiti, le date dimenticate, i giorni bui, gli attimi in cui, pur essendo in due, ci si è sentiti soli.
  • La colpa. È facile prendersi i meriti, ma bisogna saper anche prendersi le colpe. Hai dimenticato un anniversario? Il giorno del compleanno? Quella sera che il partner è tornato dal lavoro di umore nero, hai ascoltato i suoi problemi? Riguarda la lista “nera”, quella dei momenti bui, e cerca di capire quante di quelle situazioni sono state create più da te che dall’altra persona e fai un esame di coscienza. Si deve anche lavorare per riconquistare la fiducia di una persona.
  • Il riconoscimento. Prendendo invece la lista dei momenti belli, cerca di capire quanti di quelli sono stati creati per renderti felice. Quel sabato sera che hai passeggiato in centro davanti alle bancarelle anche se in tv c’era la partita? Quella vacanza in Egitto che sognavi invece del solito camping a Riccione? Il partner ha fatto la scelta che volevi tu in quante di quelle occasioni che hai segnato come “belle”?
  • Idee chiare. Forse ora, abbiamo le idee un po’ più chiare e puoi fare un bilancio di questo rapporto.
  • Il dialogo. Non ti resta che parlare con il partner e capire insieme cosa si può fare. Mettere da parte inganni e bugie e essere sinceri. Parlare significa anche e soprattutto ascoltare, dai la possibilità alla compagna di esprimersi liberamente, non interrompere un concetto, ma presta attenzione e poni delle domande solo alla fine. Esprimi il tuo punto di vista in maniera semplice, con frasi breve e precise per non dare adito a fraintendimenti. Utilizza nostre liste per scusarti di tutte quelle situazioni negative che hai creato nel tempo. Passa poi alla lista delle cose belle e ringrazia per ogni momento felice.

Come recuperare un amore che sta finendo: conclusioni

A questo punto dovremmo avere sul banco tutte le carte scoperte per capire come recuperare un rapporto che sta finendo. Insieme potrete valutare:

  1. L’amore è davvero finito o in fondo era solo offuscato da un problema che sembrava insormontabile?
  2. Il problema si è chiarito? Si è risolto? Ogni dubbio è stato dissipato da entrambe le parti?
  3. C’è una soluzione? Avete capito come muovervi per rendere felice il compagno?
  4. Avete un obbiettivo comune da raggiungere? Siete disposti a lottare insieme per raggiungerlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *