Vai al contenuto

Come si conquista una ragazza: alcuni segreti

Sapere come si conquista una ragazza e conoscere le tecniche di seduzione, è il sogno di ogni uomo. Precisiamo che non è possibile conquistare tutte le ragazze che ti piacciono per il semplice motivo che le variabili in gioco sono molte e che non si può piacere a tutte.

Credo che esista al mondo qualche ragazza a cui Brad Pitt non piaccia, quindi non farti problemi se ricevi qualche no. Se applichi la strategia corretta avrai maggiori probabilità di sedurre una donna che ti piace.

La strategia per rimorchiare una ragazza si può riassumere in determinate fasi che in seguito andiamo ad approfondire:

  • approccio,
  • generare attrazione,
  • closing (chiusura).

Come si conquista una ragazza: l’approccio

La prima fase della conquista di una ragazza è l’approccio. Tralasciamo la parte antecedente all’approccio, ossia come conoscere nuove ragazze dal vivo e online. Supponiamo che abbiamo a pochi metri di distanza la ragazza che vogliamo sedurre.

Una volta individuato l’obiettivo è fondamentale attaccare bottone e fare in modo che lei si accorga di te e della tua esistenza. Se rimani nascosto o invisibile è difficile che qualche ragazza ti salti addosso.

Avvicinati quindi alla giusta distanza, a seconda del mezzo di comunicazione che hai scelto. Se hai deciso di approcciarla prima con il contatto visivo, ti basterà stare a qualche metro. Se invece vuoi agganciarla con le parole, evidentemente dovrai andare da lei.

Nel primo caso è sufficiente uno sguardo e un sorriso per comunicargli il tuo interesse. A questo punto è importante leggere i segnali di interesse che ti manda per capire se è un minimo interessata a te.

Se abbassa subito lo sguardo e poi ti guarda dal basso verso l’alto con gli occhi da cerbiatta, sei sulla buona strada e puoi procedere. Se invece si gira dall’altra parte e non ti rivolge più un’occhiata allora è meglio cambiare ragazza/strategia.

Alcuni, pochi a dire il vero, vanno direttamente dalla ragazza per parlare con lei. Si tratta di una strategia molto più rischiosa della precedente ma che dimostra che sei sicuro di te e sfacciato il giusto.

Anche se prima l’hai guardata, e lei ha dato segnali positivi, devi comunque andare a parlarci se vuoi sedurla. Di sicuro, se lei ti ha mandato qualche segnale di interesse, ti sentirai più sicuro di te. A volte potrebbe averti ignorato, oppure il suo linguaggio del corpo potrebbe essere stato negativo: non è per forza un NO.

E anche se lo fosse? In quel momento lei ti ha visto e giudicato, non trovandoti attraente SOLO dal punto di vista fisico. Ma la bellezza, in seduzione, conta poco! Per cui vai da lei e metti in campo le tue capacità, mostrale che sei simpatico, ironico, intelligente.

Generare attrazione per continuare la conquista di una ragazza

Una volta effettuato con successo il primo contatto, hai appena iniziato il processo di conquista. Adesso devi generare attrazione e convincerla ad approfondire la tua conoscenza. Per generare attrazione fisica nei tuoi confronti hai a disposizione: le parole, il contatto fisico, il flirt, l’ironia e la cultura.

Saper parlare con una ragazza è una delle armi fondamentali per un seduttore che deve:

  • risultare una persona interessante,
  • avere tanti argomenti di cui parlare, qualcuno serio e altri banali,
  • cercare di evitare i fastidiosi momenti di silenzio dove ognuno si guarda in giro imbarazzato,
  • evitare di fare sempre domande come se fosse un interrogatorio,
  • evitare di parlare sempre di sé stesso,
  • far fluire la conversazione in maniera naturale agganciandoti a quello che lei dice.

A questo punto è importante procedere con la giusta escalation del contatto fisico per generare attrazione. Cosa significa giusta escalation? Che devi procedere lentamente con il contatto fisico e variare la velocità a seconda della risposta della ragazza.

Come sai il contatto fisico è fondamentale nella seduzione perché senza di esso non puoi generare attrazione ma deve essere fatto nel modo giusto.

I primi contatti saranno quasi casuali, un leggero sfioramento, una mano toccato di sfuggita tanto per vedere la reazione della ragazza.

Se la tua vicinanza non le dà fastidio ma contraccambia il contatto allora vuol dire non le fai del tutto schifo e puoi procedere essendo più esplicito e prolungando il contatto.

Se invece si ritrae o noti qualche segno strano nel suo volto, procedi molto più lentamente, mettila più a suo agio e quindi riprova.

La chiusura: numero/bacio/sesso

La strategia su come si conquista una ragazza è giunta alla fase più importante e delicata: la chiusura. Se sei arrivato fino a questo punto vuol dire che hai lavorato bene e che la ragazza è attratta da te, ora la devi “convincere”.

In generale dipende da cosa vuoi, in quel momento, da lei. Diciamo che puoi avere 3 obiettivi differenti, uno più difficile dell’altro:

  1. Farti dare il numero o un contatto social (mediamente facile).
  2. Baciarla (con preliminari ecc).
  3. Fare sesso (che sia una sveltina in macchina o una notte di sesso.

Il primo è facile: basta chiederlo, sperando che ti dia quello giusto.

Gli altri due sono abbastanza “simili”, la differenza sta soprattutto in lei. Alcune potrebbero avere paura di sembrare “facili”, altre semplicemente ancora non si sentono pronte o altro. Non sta a te giudicare o fare pressioni, ma accettare la sua decisione con tranquillità.

Per i punti 2. e 3. devi cambiare location e trasferirla in una più idonea alla piacevole conclusione della serata. Se sei in un locale, in una discoteca o in un luogo pubblico la devi portare via per stare isolati dal mondo.

Il tempo che passerete da soli servirà a generare comfort, a farle capire che tra di voi c’è un qualche legame che la convinca a condividere la camera da letto con te.

Non è detto che la chiusura avvenga la sera stessa in cui l’hai conosciuta, ma potete decidere di rivedervi dopo qualche tempo in un’altra sede. In genere se hai lavorato bene e generato la corretta attrazione fisica e l’hai messa nel giusto comfort, accetterà di rivederti.

In tutti i casi, un segreto che molti non sanno, è che devi avere tanta pazienza e non comportarti da “malato di figa”. Se lei vuole fare sesso con te bene, se vedi che ha remore e che continua a non desiderarlo, magari anche dopo molto petting, accetta con un sorriso.

Le farai vedere che non è un problema non farlo per una sera, tanto ne hai molte altre di occasioni. Questo atteggiamento ti farà prendere valore ai suoi occhi, magari continuerà a dire di no, ma solo per quella sera…

9 commenti su “Come si conquista una ragazza: alcuni segreti”

  1. Hola Sensei, prendo coraggio nello scrivere vivendo per certi verso ina una cosa simile all’altro commento sotto l’ articolo.
    Conosco e mi sento con questa ragazza. Usciamo e passiamo una bellissima serata: ci baciamo con passione e le cose sono molto interessanti.
    La chiamo 48h dopo e nulla, la lascio stare e la chiamo di nuovo dopo qualche giorno: parliamo pochi minuti e la invito per l’indomani, mi dice di essere super presa per un suo importante evento aziendale di alcuni giorni da metà settimana. Forse faccio un primo errore di invitarla subito.
    Il pomeriggio stesso faccio peggio: vedo dalle sue storie di ig che è nella piazzola accanto alla mia nel parco cittadino. La chiamo per dire di averla vista e volerla raggiungere. Non risponde e lke scrivo, non aspetto una risposta e prendo da solo l’iniziativa di andare: mi accoglie stupita e molto tiepida. Mi dà corda qualche minuto, mi presenta un’amica che non gradisce la mia presenza. Appena mi siedo accanto a lei comincia ad ignorarmi del tutto e capisco essermi autoinvitato e non gradito e qualche minuto dopo me ne vado. La saluto baciandola con troppo slancio sulla guancia per passare poi a qualche bacio sul collo. Lei non disdegna ma farlo in mezzo ai suoi amici è da inopportuni idioti. L’ho messa a disagio, specialmente ripensando che mi ha deto che fa fatica ad aprirsi con gli uomini. Qualche giorno dopo mi faccio sentire di nuovo io per farle un augurio sobrio per l’evento aziendale che avrebbe condotto. Risponde la sera freddamente. Provo a non farmi sentire una settimana e da lei nulla. Oggi dopo una settimana provo a chiamarla e non ha risposto. Riprendendo il tuo commento del 2020 credo di essere passato da orsetto del cuore e morto di figa: mi sono presentato galante e tranquillo, interessato a lei e ho finito per farle l’imboscata al parco. Pensavo che domani potrei scriverle che l’avevo chiamata perché la pensavo e volevo sapere di lei e dell’evento aziendal, per farle capire che non sono il solito smidollato malato di figa come ce ne sono tanti ma puzza di orsetto. C’è qualcosa che potrei fare o non potrei fare? Serve anche a me un messaggio di rottura? Gracias!

  2. Sei stato gentilissimo nella risposta e ti ringrazio molto. Ti dirò: io quando esco con una ragazza non ci esco per farci amicizia, ma per conoscerla e se mi ispira di farci del sesso, anche subito. Con lei ci ho provato, garbatamente e con tatto, ma non siamo arrivati subito lì, nonostante a volte si lasciava andare a qualche leggero fremito che non ha potuto nascondermi. Da lì la situazione la conosci a grandi linee. Avevo già io una mezza voglia di mandare un messaggio da ribaltamento, ma ammetto di essermi anche lasciato prendere da una sorta di orgoglio e da una sorta di “conoscendo la femmina un messaggio del genere sarebbe probabilmente stato l’ennesima tacca sulla cintura”, visto che lei stessa ha ammesso di essere piena di maschi che le ronzano attorno. Sinceramente e mi spiace, ma non pensavo di essermi comportato da orsetto del cuore, anzi, credevo proprio che il fatto che andassi dritto al punto senza poi risponderle potesse essere la giusta attenzione da dedicare a chi si è comportata come si è comportata. Opterò per la rottura, tanto la sensazione mi dice che è già persa. O forse che in realtà non è mai andata

    1. Mia nonna diceva sempre: “Perle ai porci”. Già, perle ai porci. Un messaggio del genere a mio modo non è una cosa da tutti i giorni, un messaggio dove ti esponi ma allo stesso le ricordi che non sei un coglioncello pronto a morire per lei. Un messaggio che coi toni e contenuti ho voluto plasmare per rendere più mio e meno ctrl c, ctrl v. Ma avendo conosciuto il soggetto, probabilmente si sarà fatta una bella risata e probabilmente mi starà vedendo come il solito povero coglione. E ti dirò: forse è meglio così. E’ suo sacrosanto diritto, ma dimostra che come persona, come femmina e ancora di più come donna non vali una mazza. E davvero, non lo dico col cuore arrabbiato: mi ha semplificato il mestiere, dandomi prova che alla fine è il solito corpo vuoto. Per me, a differenza di quanto mi ha detto mio fratello, a cui gli ho parlato del tuo consiglio e che mi ha detto che così ho solo fatto la femminuccia, io mi sono comportato molto più da uomo in questo modo che facendo finta di nulla. Comunque vada ho imparato una lezione importante.

      1. Credo che tuo fratello abbia una visione dell’universo femminile un po’ ristretta, superficiale. Ti posso assicurare che lei non si è fatta una risata, ma che invece ha subito l’affondo perché le hai dimostrato che con te, per quanto sia bella, non può comportarsi in quel modo. E poi il messaggio aveva un secondo fine, che tu hai colto, mostrarti chi è in realtà. Perché ci sta che non abbia interesse per te, ma c’è modo e modo di dimostrarlo. Se avesse capito i suoi errori e ti avesse mostrato un minimo di dispiacere, allora forse avresti potuto investire del tempo per conquistarla. Purtroppo, invece, è una poveretta che ora puoi lasciar andare con la consapevolezza di aver perso solo un bel faccino. Spiegalo a tuo fratello.

      2. Credo di aver imparato molto di più da questo scambio di commenti che negli ultimi mesi.
        Non c’è bisogno di aggiungere altro, ma è affascinante però pensare di poter scoprire così tanto di una persona in pochi e banali gesti. Sia chiaro, sarebbe arrogante dire di conoscere una persona per così poco, però per me si tratta di avere o non avere quella che viene definita “intelligenza emotiva” e francamente se non ce l’hai, non fai per me. Che sia anche solo per vedersi e fare del buon sesso o anche approfondire di più la conoscenza.
        Vorrei chiudere qua per non abusare ulteriormente del tuo tempo. Ti ringrazio davvero tanto per questi consigli e consiglierò a mio fratello di visionare con attenzione e maggiore apertura mentale il tuo fantastico blog. Grazie ancora di tutto e buona continuazione! Ps: continua così!

      3. Ciao Sensei, ti ho scoperto da qualche settimana e devo dire che sei una rivelazione: sei tutti quei pensieri e quelle sensazioni che ho avuto e che ho sulle donne e sei capace di riuscire a spiegarle e raccoglierle tutte in degli articoli fantastici che mi sono spolpato fino all’osso ahahah
        Ho visto poi la sezione commenti e trovo davvero sia fantascientifica, avendo letto le tue risposte e i tuoi fantastici spunti! Davvero complimenti!
        Mi farebbe molto piacere parlarti proprio dell’ultima ragazza che ho conosciuto. Ho conosciuto due settimane fa una ragazza con la quale sono poi uscito a cena: una bella serata, divertente e a tratti maliziosa: non una cosa esagerata, ma sembrava interessata. Siamo poi andati a bere qualcosa e l’ho baciata. Abbiamo poi proseguito in macchina, con baci e altri bei momenti. Ci siamo salutati e via così.
        Due giorni dopo ho voluto seguire il consiglio dell’articolo sulla telefonata e le ho telefonato: non mi ha risposto. Pensavo mi avrebbe richiamato o riscritto, ma così non è stato. Da parte sua silenzio. Ho aspettato qualche giorno e, sapendola sempre impegnata (e pensando che magari non aveva visto la telefonata) le ho mandato un simpatico messaggio di buongiorno (senza ovviamente fare riferimenti a telefonate o all’appuntamento). Non mi ha risposto. Ha cominciato a diventare evidente che l’interesse di vedersi un’altra volta era solo mio e non corrisposto. Boh, una cosa del genere mi ha stordito e ripensando poi alla serata e a certe dinamiche, a certe sue frasi rivolte a me, la cosa si è fatta no-sense. Sabato sera poi, essendo stato invitato per un compleanno nel locale dove l’avevo conosciuta e che lei ogni tanto ha frequentato, ho provato uno shot diretto: “Stasera sono invitato nel locale x. Se ci sei beviamo qualcosa”. Diretto al punto. Mi ha risposto salutandomi, chiedendomi come stavo e che non sarebbe uscita di sera. Ovviamente non ha fatto riferimenti ai due buchi sui miei contatti. La mia risposta? Non le ho risposto. Se ci avesse tenuto avrebbe proposto altro in un altro momento ma non lo ha fatto. Io penso che, se le fossi interessato, avrebbe potuto agire diversamente, già a partire dagli altri ricontatti. Poi lei è la classica ragazza “modellina immagine” a cui tutti sbavano dietro, per cui probabilmente mi sarei aggiunto inutilmente alla pletora degli “orsacchiotti del cuore” (la prima volta che l’ho letta mi sono ammazzato di risate ahahah). Sarei ipocrita se ti dicessi che non ci sto pensando a lei, perché fisicamente mi attraeva veramente tantissimo, rappresentando carnalmente il mio modello ideale di femmina. Dal modo in cui si è comportata direi che non lo è sicuramente di testa. Ho sperato che la mia azione di non rispondere magari la smuovesse, ma ad oggi nulla. Ho riletto tutti i tuoi articoli, ma non penso di aver fatto cose sbagliate. Forse, come dicevi in un tuo articolo, la verità è che non le sono piaciuto abbastanza, altrimenti avrebbe agito diversamente… Avrei forse dovuto rispondere al messaggio di sabato e vedere dove andava la conversazione? Ci sono altre cose che posso provare?
        Spero tu possa rispondermi e magari darmi qualche consiglio. Grazie e buonaserata Sensei. Sempre al top!

        1. A mio parere la seduzione non è matematica, a volte puoi agire bene e non sedurre, altre fare solo casini e – in teoria – errori, e conquistarla! In generale non so come sia andata tra voi due quando vi siete visti, perché potrebbe aver recepito solo interesse fisico e magari in quel momento le andava solo di divertirsi. Oppure le piaci davvero e sta facendo la stronza per paura, insicurezza o altro. Secondo me serve un messaggio di rottura, perché tu, ai suoi occhi, sei purtroppo un orsetto del cuore. Te l’ha fatta annusare, e tu ci sei caduto con tutte le scarpe. Cosa farei io? Già al messaggio di sabato l’avrei “ribaltata”, ma dato che non lo hai fatto, potresti scriverle in modo pacato: Buongiorno/sera/ciao, comprendo che tu sia una persona impegnata, ma credo che l’educazione sia la base di qualsiasi interazione umana. Purtroppo da parte tua ho notato una mancanza di rispetto nei miei confronti che non sono abituato a tollerare. Per me non è un problema che tu non possa o voglia rivedermi, ma avrei preferito che rispondessi almeno con un garbato no ai miei precedenti messaggi. Non sono arrabbiato ma solo un po’ deluso perché mi hai dato l’impressione di essere una ragazza di cuore. Un abbraccio e buona giornata.
          Lo so che è un messaggio davvero di rottura, ma con questo potresti smuoverla mostrandole che non sei il solito smidollato malato di figa come ce ne sono tanti. Il rischio è che non si faccia più sentire o si arrabbi, ma vista la situazione in cui ti trovi non credo sarebbe un peggioramento.

      Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *