Vai al contenuto

Come superare la timidezza?

Come superare la timidezza? E’ una domanda legittima che molte persone timide si pongono ogni giorno provando a vincerla per stare meglio e godersi la vita.

Cos’è la timidezza? Vediamo alcune definizioni di massima

  1. un tratto della personalità che rende una persona meno socievole, esitante e per certi versi impacciato nei contesti sociali.
  2. L’incapacità di rispondere in modo adeguato ed equilibrato a stimoli sociali.
  3. Ai massimi livelli diventa “fobia sociale” che può esplodere anche in veri e propri attacchi di panico e crisi d’ansia.

Queste sono tra le definizioni più comuni di esperti e psicologi. Sul web se ne possono trovare altre, molto simili come idea a queste 3.

La timidezza viene quindi vista come un enorme limite che preclude una vita sociale sana e piacevole. Nei casi peggiori, tale caratteristica, provoca disagio così forte da essere considerare una vera e propria patologia neanche fosse narcisismo patologico.

Come superare la timidezza? Cambiando prospettiva

Se sei timido in modo medio o elevato, vuoi solo superare questa condizione per vivere al meglio la tua vita. Però spesso capita che tutti i metodi usati falliscano, per quale ragione?

Proprio per le definizioni appena viste che bollano la timidezza come una sorta di malattia, quasi fosse un raffreddore, che va quindi guarita.

Un professore americano, Bernardo J. Carducci, insegna in una università americana, la Timidologia. Ha una cattedra dove affronta le tematiche riguardo alla timidezza con una visione diversa.

Secondo lui, infatti, tutti siamo timidi, la differenza sta solo nel saper affrontare e gestire in modo diverso le situazioni in cui ci troviamo.

Non sei malato, solo non hai ancora appreso come mitigare gli effetti della tua timidezza.

Il segreto della timidezza

Ti voglio subito dire un segreto: tutti siamo timidi. E soprattutto la timidezza, anche a livello scientifico, non è più vista come una caratteristica negativa, solo una parte di ognuno di noi che alcuni controllano più a fatica.

Quindi, se tu ti ritieni un timido, sappi da ora che sei in buona compagnia con tutto il Pianeta. La differenza tra i “timidi” e i “non timidi” sta nel fatto che i primi non riescono bene a gestirla.

superare la timidezza

Come puoi vedere la situazione, messa in questi termini, è meno catastrofica di prima. Non serve eliminare la timidezza, anche perché è impossibile. La cosa è molto più semplice: basta imparare a controllarla.

In certi momenti, chi più chi meno, siamo timidi. Può accadere con una ragazza, oppure davanti a un professore o in tante altre situazioni in cui non abbiamo il controllo.

La differenza non sta nel non essere timidi, ma nel farsi forza e agire anche di fronte a essa, con la consapevolezza che non accadrà nulla di male. Per farlo ci vuole coraggio, ed è in tutti noi.

Paura, ansia sociale e timidezza

In molti non se ne rendono conto, ma spesso si confonde la timidezza con la paura e l’ansia sociale. Spesso invece si tratta di mancanza di fiducia in se stessi, che trasforma anche la seduzione più banale in una corsa ad ostacoli.

La situazione del timido è, per usare un eufemismo, bloccata, totalmente ferma. In molti mi fanno a riguardo una sequela di domande come queste di seguito come:

  • acquisire fiducia in se stessi,
  • si fa a superare la timidezza,
  • acquistare sicurezza in se stessi,
  • affrontare le paure,
  • sconfiggere la timidezza,
  • sconfiggere le paure,
  • eliminare la timidezza,
  • vincere le paure,
  • vincere la timidezza,
  • superare le paure,
  • affrontare la timidezza,
  • superare la fobia sociale,
  • vincere la timidezza con le donne,
  • vincere la fobia sociale,
  • avere sicurezza in se stessi,
  • combattere la timidezza,
  • curare la timidezza,

La timidezza, questo è quanto emerge da una serie di studi del Professor Carducci (Indiana University Southeast, USA), non è una colpa, un male, ma solo una delle tante caratteristiche dell’essere umano.

Alcuni sono più soggetti ad essa, diventando “timidi”, altri sono invece più abituati a gestirla e quindi, di media, meno assoggettati ad essa.

Il denominatore comune della timidezza

Il denominatore comune di tutte queste domande non è soltanto la timidezza o come superare la timidezza, ma è un malessere interiore che ad esempio condiziona vari aspetti come il linguaggio del corpo che diviene remissivo e chiuso.

Quel senso di inadeguatezza nei contesti sociali, per esempio molti hanno la fobia sociale (in pratica la paura di sbagliare in un contesto e di venir quindi giudicati in modo negativo), vari tipi di paura, timidezza sociale o timidezza con le ragazze.

Finché ci si concentra soltanto su prestazioni e risultato, il piacere di vivere (e sbagliare) non c’è.
Come superare la timidezza: una soluzione c’è.

Nella seduzione queste paure comportano esclusivamente il non agire, il rinchiudersi in casa e in se stessi, facendo così nascere un’altra domanda che è correlata alle precedenti:

Dove conoscere nuove ragazze?

Come superare la timidezza

E su decine di siti per incontri e simili ti propongono bellissime straniere, oppure si trovano consigli banali e ripetitivi nei quali ti dicono che devi uscire di casa, che devi conoscere ragazze (grazie! Ti danno come riposta la tua stessa domanda).

Non sono risposte sbagliate, ma sono troppo premature.

Prima di lanciarti e basta in una disperata ricerca di contatto umano, un prematuro tentativo di acquistare sicurezza o di sapere come superare la timidezza con le ragazze, fermati a riflettere con obiettività su chi sei, ed accettalo.

Tu sei timido, la timidezza è parte di te come di qualsiasi altra persona al mondo. La maggior parte hanno la capacità di non fari controllare da essa, ed è quello che devi imparare, devi riuscire a controllare la timidezza, non a sconfiggerla.

Una nuova visione per sapere finalmente come superare la timidezza.

Come superare la timidezza: una nuova visione ti potrebbe migliorare la vita

Il concetto base p che “potrebbe”, non è un modo per “pararselo”, invece serve per farti comprendere che tutto ciò che riguarda te, o la tua sfera personale/emotiva, non si cambia e risolve con un “click”.

Stiamo parlando di comportamenti che sono ormai radicati in te da tantissimi anni e che per modificarli e stare meglio ti serve impegnarti.

Per cui inizia a ficcarti nella testa alcune regole necessarie, non esistono:

  • rimedi assoluti per la timidezza
  • consigli sempre esatti per tutti per superare la timidezza
  • esercizi miracolosi per vincere la timidezza
  • rimedi contro la timidezza.

Puoi invece vederla come una parte di te, spesso problematica ma a volte necessaria e bella.

Non la devi distruggere e superare come fosse una corsa ad ostacoli.

Devi comprenderla e darti il giusto tempo per farci pace, si tratta solo di sapere finalmente come superare la timidezza.

Non ci interessa scoprire le cause della timidezza, dobbiamo rendere questa maledetta timidezza una tua caratteristica che piacerà a molte persone. Ma solo se tu sarai in grado di controllarla in modo che non condizioni la tua esistenza.

La timidezza è un male?

La timidezza non è negativa né positiva, è come avere gli occhi azzurri o verdi, è una caratteristica umana che fa parte della vita di tutti noi.

Quindi è sbagliato dire che : “Tu sei timido”. Invece è corretto dire che TU, rispetto ad altri, fai più fatica a gestire i momenti in cui la timidezza prende il sopravvento.

Quindi non va curata, perché non è una malattia, va solo gestita meglio e gli strumenti li trovi sul sito e sull’ebook.

Con questo non voglio dire che “essere timidi” sia una figata pazzesca e facilissimo imparare a controllarla, ma se è una tua caratteristica personale dovresti in primis accettarla.

E poi gestirla, a piccoli passi e senza fretta.

Come superare la timidezza? Facendolo per te

Agire, mettersi in gioco e cambiare non è mai facile. Se sei deciso a farlo hai tutto il mio appoggio e la mia stima perché so quanto possa essere doloroso mettersi in gioco, ci si giudica e fa a pezzi.

Chi te lo fa fare? Non di certo un’altra persona, se vuoi controllare la tua timidezza solo per conquistare qualcuno, secondo la mia esperienza, sbagli e rischi di non riuscire a fare nessuna delle due cose.

Devi capire come superare la timidezza solo ed esclusivamente per stare meglio con te stesso, se fai così sarà meno difficile e in più, la timidezza diventerà parte di te, la accetterai e le vorrai “bene” facendola diventare, se controllata a dovere, anche una tua caratteristica peculiare che ti farà emergere dalla folla di arroganti narcisisti.

Non dico che essere timidi sia bellissimo, ma che non è qualcosa di così mostruoso od orribile come troppo spesso ti hanno fatto credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *