Come superare l’ansia da prestazione

Come superare l’ansia da prestazione, alcuni segreti

Come superare l’ansia da prestazione? Essa è un problema molto diffuso tra gli uomini di tutte le età e può portare insoddisfazione sia nella vita sessuale che nella vita sociale e di relazione.

In questo articolo approfondiremo l’argomento cercando di capire cosa è questo disturbo e soprattutto di capire come superare l’ansia da prestazione.

Avere problemi in camera da letto è normale, capita a tutti nella vita per una marea di ragioni. Per cui non avere paura di ammetterlo e neanche di affrontarli, nella maggior parte sono condizioni temporanee.

Cosa è l’ansia da prestazione

A tutti noi è capitato di aver paura di sostenere un esame, un colloquio di lavoro o di andare al nostro primo appuntamento con una ragazza. Questa paura, unita a tanti altri sintomi di natura psicologica che ci fanno sentire inadeguati e non all’altezza di superare la situazione, è l’ansia da prestazione.

Uno degli ambiti in cui questo problema si fa sentire maggiormente è quello sessuale, ossia la paura di non essere in grado di soddisfare una donna. Si può avere la paura di non avere una erezione soddisfacente, la paura di non raggiungere l’eiaculazione.

Recenti studi hanno evidenziato che l’ansia da prestazione è sempre più diffusa tra gli uomini che non si sentono più adeguati sotto le coperte.

Come superare l’ansia da prestazione: dove nasce?

I motivi possono essere tanti e di diversa natura. Prima di tutto siamo continuamente bombardati dalla televisione su informazioni errate riguardo il mondo del sesso.

Nei film i rapporti sessuali sono sempre fantastici, la donna raggiunge l’orgasmo in due minuti, l’uomo ha sempre pronta una erezione da Guinness dei primati, la coppia raggiunge l’orgasmo sempre insieme.

Ovviamente tutto ciò non è veritiero, ma tutti noi siamo convinti che è la realtà e se non raggiungiamo questi standard siamo inadeguati. E lo saremmo sempre se non cambiamo il nostro approccio al sesso.

In realtà il rapporto sessuale è qualcosa di più completo che non si può riassumere in un incontro di dieci minuti. Poi ognuno è differente e ha bisogno di stimoli e di essere trattato in maniera del tutto personale. Non esiste la ricetta magica in grado di soddisfare tutte le donne e tutti gli uomini.

Il sesso è emozione, è complicità, è saper ascoltare l’altro e se stessi.

Con tutte queste aspettative, gli standard da raggiungere sono troppo elevati e di difficile raggiungimento. Questo lo sappiamo benissimo ma al sesso gli attribuiamo lo stesso troppe aspettative e iniziamo il rapporto con la paura di fallire. Ed è proprio affrontandolo in questo modo che falliremo sicuramente.

Siamo troppo presi dal raggiungimento del risultato finale, siamo troppo focalizzati sull’orgasmo e non affrontiamo il viaggio in maniera rilassata.

Ma senza rilassamento il sangue non fluisce correttamente nel nostro corpo e il nostro respiro sarà bloccato e affannato. In queste condizioni è molto difficoltoso raggiungere e mantenere un’erezione corretta e duratura e quindi addio eiaculazione e soddisfazione per entrambi.

Un altro problema è che diamo troppa importanza al sesso e al risultato finale. Pensiamo che tutta la nostra vita verrà giudicata dalla prestazione e se non ci sentiamo adeguati sotto le coperte non lo saremo nemmeno negli altri ambiti della vita.

Tutto questo porta a una bassa autostima, a una scarsa considerazione delle nostre capacità che a loro volta aumenteranno la probabilità di avere rapporti poco soddisfacenti.

I segreti per migliorare la qualità del sesso

Come superare l’ansia da prestazione? Iniziando un percorso di crescita personale, magari da fare in coppia se abbiamo una partner, in modo da smontare tutti i luoghi comuni e costruire un nuovo modo di vedere la donna, l’uomo, la coppia e il mondo della sessualità.

Ad esempio nei nostri corsi di Tantra si spieghia che prima di tutto bisogna elevare il concetto che abbiamo della donna che non è un mero oggetto utile a soddisfare i nostri bisogni.

La donna è un vero e proprio essere divino con cui affrontare insieme un bellissimo viaggio alla ri-scoperta di noi stessi.

L’ansia  è spesso legata a eventi passati negativi che ancora fanno sentire i loro effetti.

Tutti noi abbiamo avuto esperienze non positive nel campo sessuale, non siamo infallibili e non sempre si riesce a trovare la giusta alchimia con una ragazza.

In quei casi, nonostante tutto il nostro impegno, il rapporto non sarà soddisfacente e possiamo anche fare “cilecca”.

In realtà questa è una parola senza senso a cui diamo troppa importanza ma l’ho capito solo adesso dopo un serio percorso nel mondo della sessualità.

Per le persone “normali” i piccoli incidenti che avvengono sotto le coperte possono compromettere seriamente anche il futuro della vita sessuale in quanto l’ansia da prestazione fa sentire i suoi effetti e non permette il corretto fluire dell’energia.

Come superare l’ansia da prestazione in questi casi? È necessario non dare troppa importanza al passato e non pensare che la nostra virilità e la nostra autostima dipendano esclusivamente da quegli eventi.

Non esiste un unico strumento valido per tutti, in generale è opportuno conoscere:

Credo sia essenziale cambiare approccio al sesso, non più come a una ginnastica in cui devi prendere buoni voti o vincere, ma un piacere. Un qualcosa che devi imparare a goderti appieno, dal primo bacio fino alla fine, senza avere fretta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *