Cosa pensano gli altri me? Serve porsi una domanda così?

Cosa pensano gli altri me?

Alzi la mano chi non se lo è mai chiesto. Ok, vedo che sono tutte abbassate perché è nella natura umana porsi quesiti simili.

Per cui se ti sei chiesto quale sia il giudizio degli altri sul tuo conto, non sei né pazzo e neanche uno sfigato senza autostima. Se ti dicono una cosa del genere, sono persone che mentono a loro stesse.

Perché la nostra società si basa su meccanismi come anche il pettegolezzo, la chiacchiera e soprattutto il giudicare gli altri (spesso con poca lucidità).

Cosa pensano gli altri me? Vediamo di capire quando fregarsene

La risposta a questa domanda non è per nulla banale. C’è un confine tra il fregarsene e l’ascoltare, tra l’apertura e la chiusura mentale che domina nel nostro secolo.

Se tutti se ne fregassero, nessuno si metterebbe mai in gioco o dubiterebbe mai di se stesso e dei suoi comportamenti. Ci troveremmo di fronte a un esercito di finti maschi alfa, personaggi aggressivi, violenti e poco inclini alla comunicazione.

Se invece fosse il contrario? Diciamo che la nostra società è molto vicina a questo punto, per ora solo alcuni resistono alle pressioni sociali (e dei social), che ci vorrebbero tutti uguali.

Per quanto riguarda l’aspetto fisico, ti devi amare per ciò che sei. E questo è il punto di partenza, se sei calvo non devi comprarti il parrucchino, invece rasati a zero e mostra sfacciata la tua pelata! 

Ciò non toglie che si può anche pensare di migliorarsi, magari guadagnandoci in salute seguendo una dieta migliore, perdendo qualche chilo di grasso e facendo un po’ di sport. 

Non devi diventare un modello da copertina, la tartaruga è un lavoro! Lascia perdere queste forme di anoressia al contrario (detta vigoressia). Conosco molti ragazzi belli, con fisici scultorei, che vanno non seducono MAI!

Quindi devo preoccuparmi di quello che potrebbero pensare di me?

Non ho detto questo. Un conto è farsi dire cosa pensano, confrontarsi e capire il punto di vista altrui per crescere. Altro è passare il tempo a ragionare su cosa potrebbero pensare!

Lo so, la cosa è un po’ cervellotica ma proverò a essere ancora più chiaro:

  • Non ti deve importare del giudizio degli altri, ma solo delle persone che ami o che stimi.
  • Ignora cosa potrebbero pensare, ma tieni la mente aperta e recettiva, potrebbero pure avere ragione loro.

Cosa pensano gli altri di me?

Non lo so io, non lo puoi sapere tu. Ciò che dobbiamo fare, ogni giorno, è semplicemente lavorare su noi stessi per liberare il maschio alfa che teniamo in catene. 

La sua forza non sta nel non cambiare idea, ma nel capire che il cambiamento fa parte della natura delle cose. Così come anche il nostro modo di vedere il mondo.

Cambiare idea è un atto di forza, non di debolezza. Per cui, se ti viene da domandarti:

Cosa pensano gli altri di me?

Non te ne vergognare, non pensare di essere debole. Però non farti travolgere dai dubbi. Se una persona pensa il peggio di te, ma è un coglione, che valore potrebbe avere il suo giudizio? Secondo me nessuno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *