Vai al contenuto

Cos’è il Tantra e perché tutti ne parlano

Il Tantra è identificato, secondo alcuni, come la via corretta per vivere il sesso. Personalmente credo sia una considerazione esagerata, il sesso può essere vissuto bene anche senza conoscere il Tantra. Ma vediamo di capire di cosa si tratta.

Punto G, clitoride, cunnilingus, sono tutte parole misteriose che ruotano intorno a un fattore comune: il sesso.

Ormai in tutte le riviste che troviamo in edicola da Donna Moderna a Max, compare la sezione dedicata al sesso. Con tutto questo bombardamento sessuale dovremmo essere dei maestri nell’arte amatoria e dovremmo tutti uscire soddisfatti dalla camera da letto.

Sesso come lo si vive

Eppure non è così. Il sesso è per molti uomini motivo di insicurezza e di paura, e molte ragazze quando sono a letto con il loro amore pensano a un altro. A volte le coppie arrivano alla rottura perché non trovano la giusta intesa in camera da letto.

La maggior parte non è capace di capire cosa vuole dal sesso e non è in grado di comunicarlo al partner.

Figuriamoci se sia in grado di capire cosa vuole l’altro e quali siano le sue esigenze. Tutto ciò porta a frustrazione e fa diventare il sesso il nemico da battere e da superare.

Peccato che la lotta, impari, è solo contro noi stessi.

Si può imparare a fare bene l’amore con l’aiuto del Tantra

Alcuni dicono che essere bravi a letto sia un qualcosa di innato, altri che si diventa dei buoni amatori solo con l’esperienza. Entrambe le affermazioni non sono corrette.

Molti uomini sono dei pessimi amatori anche dopo anni di “duro” lavoro. Altri pensano di essere bravi a letto solo perché madre natura li ha dotati in fatto di dimensioni. Peccato che il 30% delle donne non ha mai raggiunto un orgasmo e che il 50% fingono di averlo.

Ti svelo un piccolo segreto:

Diventare dei buoni amanti è possibile e alla portata di tutti.

Per far felice una donna, abbiamo però bisogno di alcune armi da portare sempre con noi: la conoscenza (anche il sesso è cultura), la fiducia in noi stessi (che ci permette di superare le difficoltà) e le nostre convinzioni (quello che vogliamo dal sesso è assolutamente normale).

Sesso. Giù la maschera

Prima di iniziare il nostro percorso che ci porterà alla scoperta del magico mondo della sessualità, dobbiamo alleggerirlo e dargli un po’ meno di importanza.

Il sesso è sesso. E basta.

Se siamo dei buoni amanti non è detto che anche il resto della nostra vita sia fantastico. E allo stesso tempo se ogni tanto a letto falliamo o le nostre prestazioni non sono straordinarie, tutto ciò non deve estendersi a quello che succede al di fuori delle coperte.

Se pensiamo al sesso soltanto a quello che è, ossia un mezzo per dare e provare piacere, sicuramente lo vivremmo in maniera molto più rilassata. Se siamo rilassati, quasi per magia, anche le nostre prestazioni ne gioveranno.

Considerata la grande ignoranza che ruota intorno al sesso, il nostro piacevole viaggio sessuale sarà impegnativo ma sicuramente “eccitante”.

Di cose da imparare ce ne sono tante, ma ti assicuro che alla fine vedrai il sesso con un occhio nuovo, non ti farà più paura, ti procurerà immenso piacere. E anche la tua ragazza sarà molto contenta e il far felice una donna non sarà più un problema.

Il Tantra: una via corretta per vivere il sesso

Ultimamente la parola Tantra sta diventando sempre più di moda ed anche nei vari programmi televisivi viene ripetuta svariate volte.

Qualche anno fa è stato il momento dello yoga e non c’era trasmissione in cui qualche personaggio famoso non affermasse di praticare yoga tutti i giorni elencandone i benefici fisici ed emotivi.

Adesso è arrivato il momento del Tantra che è l’altra faccia della medaglia. Infatti mentre lo yoga permette di raggiungere l’equilibrio psicofisico da solo, il Tantra permette di raggiungere questo obiettivo in coppia.

Tanto per citare qualche nome famoso vi vorrei segnalare la notizia di qualche mese fa in cui la figlia di Ornella Muti e il figlio di Al Bano si dedicavano al Tantra:.

Vi vorrei però rassicurare che anche noi, comuni mortali e senza nomi famosi alle spalle, possiamo introdurre il Tantra nelle nostre vite. Non c’è bisogno di gridarlo ai quattro venti perché lo scopo è di conoscere meglio noi stessi, la nostra sessualità.

Cosa è il Tantra?

Il Tantra è prima di tutto un percorso di crescita personale per riscoprire se stessi, i propri bisogni emotivi, sessuali e spirituali e il proprio equilibrio interiore.

Proprio per questo motivo ognuno approccerà il Tantra in maniera differente a seconda del proprio carattere, dei propri bisogni e del cammino che si vuole intraprendere.

Ecco già mostrarsi una prima caratteristica del Tantra, la sua unicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *