Dichiararsi a una ragazza: il male assoluto

dichiararsi a una ragazza

Se stai cercando il modo su come dichiararsi a una ragazza ti dico da subito di fermarti, leggere bene questo articolo e agire di conseguenza. 

La seduzione è fatta di tanti elementi come:

  1. mistero,
  2. attrazione fisica e mentale,
  3. comunicazione,
  4. cose che si hanno in comune,
  5. strategia,
  6. sentimenti,
  7. flirt,
  8. ironia,
  9. energia maschile,
  10. linguaggio del corpo e
  11. contatto fisico.

Ho messo il “mistero” come primo punto per farti capire quanto esso sia essenziale. Quando un ragazzo provano a conquistare la ragazze che gli piace, mostra tutto di sé, sbagliando.

Una parte di sé deve rimanere nascosta per invogliare l’altra a scoprirla, è una sorta di gioco del poker in cui fai una puntata (ciò che dici di te), e l’avversario decide se venire  a vedere o meno, se lo fa punterà qualcosa di sé.

Invece si punta tutto e subito, una sorta di all-in che fa scappare la ragazza! Ecco perché dichiararsi è sbagliato, significa puntare tutto quello che si ha senza aver prima “giocato” la partita davvero.

Le schermaglie seduttive, fatte di dialogo, contatto fisico e flirt, sono il gioco. Le varie mani che devi affrontare nella partita della seduzione che servono per prepararti il terreno alla vittoria.

E il buon giocatore di poker non ha fretta, sa aspettare il momento opportuno, sa fare quella che chiamo gestione della crisi per i momenti difficili.

Ripeto: dichiararsi a una ragazza non è la strategia migliore!

Dichiararsi a una ragazza è il male assoluto, l’ho detto e ridetto talmente tante volte da averne perso il conto. 

Capita che le ragazze, magari una tua amica, ti dicano che devi dirle che ti piace e tutta una serie di azioni che non porteranno a nulla! Perché ti dicono ciò? 

Perché le ragazze, in linea di massima, di seduzione ci capiscono davvero poco. Ciò avviene poiché sono davvero tutte complicate e diverse (per certi aspetti), e quando ti danno un consiglio su una ragazza, questo si basa più che altro sulle loro esperienze e gusti.

Se la ragazza che ti piace non è simile all’a suddetta amica, i consigli saranno sbagliati.

E tra tutti i consigli pessimi che puoi ricevere, di dichiararti è tra i peggiori. Quando ci si dichiara si tende a creare un’ambiente molto imbarazzante, anche perché tu stesso sei in difficoltà, magari prendendo un caffè si dice alla tipa in questione di quanto ti piace.

Ti vedo come un amico.

Nel 99% dei casi è questa la risposta che ci si becca. Potrebbe essere vero, in quel caso ti consiglio di fare un Reset (ci sono molti articoli a riguardo sul sito), oppure è solo un modo per prendere tempo visto l’imbarazzo.

Il come fa la differenza

Il vero problema di dichiararsi non è nell’atto di per sé, ma nel modo con cui lo si fa. Molti penseranno, quindi, aver fatto bene: FERMI TUTTI! 

Devo essere più chiaro: dichiararsi a parole, drammatizzando ogni singola parola come se facendole capire il proprio amore, lei si renderà conto di amarti a sua volta, è sbagliato! 

Molti credono che le ragazze, essendo persone come noi, vedano le cose allo stesso identico modo. Loro sono meno razionali, almeno in amore, e preferiscono “sentire” e percepire cosa provi o se ti piace.

Una dichiarazione razionale, preparata e quindi artefatta, anche se da parte sua ci fosse un minimo interesse, non avrebbe successo.

Gli strumenti da utilizzare sono altri, le devi trasmettere il tuo interesse con piccoli gesti, con parole sussurrate e azioni che, in fin dei conti, non sono altro che la seduzione stessa.

Per cui, se arrivi al punto da doverti dichiarare per farle capire che ti piace, significa che non l’hai sedotta. E se non lo hai fatto, come pretendi che alla tua dichiarazione possa dirti di sì?

Cosa le dimostri davvero dichiarandoti subiti?

Se dopo un anno di corteggiamento, lei non sembra proprio darti retta, potresti fare il famoso “all in” del poker e dichiararti. Prima però dovresti valutare se tu effettivamente l’hai sedotta. Se non è accaduto la tua dichiarazione sarà un fallimento.

Ma non solo, in generale, se ci si dichiara troppo presto o senza aver tentato davvero di conquistarla si mostra di non conoscere alcune dinamiche sociali.

1. Le dimostri che non sai come si sta al mondo

Esistono dei comportamenti sociali decodificati, o dinamiche sociali, che si dovrebbero applicare non solo nella vita di tutti i giorni, ma anche nei rapporti uomo-donna.

Si chiama corteggiamento, esiste nel mondo animale da sempre, è come se il leone tentasse di fecondare la leonessa senza prima il corteggiamento. Il risultato sarebbero solo tante artigliate e morsi da parte della femmina!

2. Non hai carattere

In pratica ti butti subito ai suoi piedi, come uno zerbino appunto, talmente impaurito da un due di picche che preferisce togliersi il dente il prima possibile.

Perfino il tentativo di un bacio rubato ha più carattere della solita sbrodolata “mi piaci”, “ti amio”, voglio stare con te”…

3. Ti deresponsabilizzi a sua spese

Pensaci bene, dichiarandoti, a chi dai la scelta e l’onere di decidere sul vostro eventuale rapporto? A lei! Se c’è una cosa che le persone non vogliono è avere ulteriori pesi nella loro vita.

Dichiarandoti la farai fuggire perché le dimostrerai di non avere la giusta energia maschile (prendendoti le tue responsabilità).

 

Dichiararsi a una ragazza è il male assoluto

Eppure mi arrivano costantemente commenti ed email di poveri diavoli che si sono dichiarati, e dopo un colossale due di picche o “ti vedo come un amico”, non sanno che fare con la ragazza di turno.

Mi vengono descritte scene di uomini che mezzi imbarazzati e balbuzienti aprono il loro cuore con tanto di violini zigani, fiori e una bella pettinatura anni ’30 che fa tanto bravo ragazzo.

Con gli occhi gonfi di bisogno e lacrime sbiascicano una serie incalcolabile di banalità e di ragionamenti così logici e ferrei che se io fossi la ragazza mi scioglierei come neve al sole convinta della veridicità di quanto detto.

Però, che bella parola il “però“, però non sono una donna! E infatti nel 99% dei casi lei non solo è più imbarazzata del ragazzo, ma anche un po’ schifata.

Nella sua testolina complicata ci saranno sicuramente delle emozioni (quante sono dipende da quanto e come l’avete sedotta prima).

Dichiararsi a una ragazza? Non serve!

Dato che stai approcciando la seduzione con una logica matematica vediamo di capire perché, anche a livello logico, dichiararsi è il male.

Diciamo, nella migliore delle ipotesi, che tu l’abbia sedotta e che per qualche mistica e incomprensibile ragione tu abbia generato in lei qualche sorta di emozione o anche curiosità.

Per cui sei sulla buona strada e stai anche per comprendere finalmente come conquistare una ragazza!

Potrebbero essere mesi che stai tentando di farla tua eppure non accade. Sei convinto di piacerle e che lei non si conceda per qualche ragione, misteriosa, che non riesci a capire.

Hai ipotizzato che forse potrebbe dipendere dalle sue esperienze passate, dall’ultimo ex o da qualsiasi altro avvenimento che l’ha traumatizzata.

Tutti siamo feriti e ci sentiamo incompresi

Ciò che forse non vuoi ammettere anche a te stesso è che tutti quanti abbiamo sofferto e siamo stati costretti a fare i conti con il dolore.

Se ogni persona ferita (uomo o donna che sia) si comportasse come sta facendo lei il mondo finirebbe nell’arco di una generazione: nessuno si aprirebbe più agli altri.

Di conseguenza l’idea, in rarissimi casi anche vera, che lei sia interessata a te ma che non si lasci andare per paura è probabile che non sia realistica.

Nella maggior parte dei casi è accaduto che un po’ ti sei avvicinato, l’hai conosciuta in modo superficiale e magari si è anche affezionata a te come a un cucciolo: ma non l’hai sedotta.

Questo non serve per umiliarti o distruggere il tuo sogno d’amore, solo ad aiutarti a vedere le cose sotto una prospettiva differente e aiutarti ad aprire la mente.

Se a una piaci, prima o poi accade qualcosa, non c’è bisogno di dichiararsi a una ragazza.

Dalla disperazione all’errore più grande

A questo punto, ormai esausto (di cosa poi) ed emotivamente esasperato fai il gesto finale, spinto magari da qualche tua amica zitella o amico finto macho più vergine del segno zodiacale stesso.

Ad aumentare la tua voglia infinita di buttarti ai suoi piedi per dirle che ti piace ci si mette pure la tv che proprio quella sera ti spara una serie di filmacci di serie Z con biondine deficienti e sfigati vessati da qualche giocatore di football.

Alla fine lui si dichiara e la figa di turno si scioglie come neve nel forno per le pizze!

Tutto perfetto fin qui, tranne per il fatto che poi ti scontri con la realtà.

Le donne non vogliono una dichiarazione a voce poiché uccide le emozioni che fino ad ora eri riuscito a suscitarle.

E’ un po’ come tentare di aprire una scatoletta di tonno con il mouse del pc

Poi c’è il caso, il 99% delle volte capita così, in cui non hai fatto nulla di nulla per sedurre la ragazza in questione.

Molti pensano che solo parlandoci o guardandosi a distanza sia possibile “sedurre” e mi chiedono se lei possa essere interessata o se abbia una possibilità.

Purtroppo questa idea è figlia di un sistema dell’immagine.

In questa società si pensa, purtroppo, che la seduzione e i rapporti interpersonali passino maggiormente per l’apparenza, per laspetto fisico, come se i sentimenti e le emozioni filtrassero attraverso un bel viso o un paio di chiappe sode!

L’amore a prima vista è solo marketing

Non è così. Non esiste l’amore a prima vista ma è solo uno strumento di marketing per vendere prodotti di bellezza, vestiti, macchine di lusso senza valore a livello seduttivo.

C’è chi dirà “si, ma io sono talmente brutto che se mi cade la morte addosso faccio scopa!“, e quindi?

Pensate che i grandi seduttori fossero e sono tutti belli, alcuni sì ovviamente, altri sono ragazzi comuni senza nulla di particolare a livello estetico ma che hanno dentro un qualcosa di speciale, la loro vera natura, sono degli alfa!

Per essere seduttori si deve prima di tutto essere uomini, persone con valori, interessi e che amano il prossimo.

Gli incazzati in giacca di pelle lasciateli agli spot e al cinema. La vera alphaness viene dallo stare bene con se stessi e dalla serenità che ne deriva.

Se invece vi focalizzate solo sull’aspetto fisico lasciate in secondo piano una parte che è il tutto: la vostra anima.

Cosa fare se vuoi una ragazza

Dichiararsi a una ragazza è il male perché non è altro che scaricare le proprie paure ed insicurezze su di lei.

Se tu vuoi una ragazza DEVI:

E se tu sei un maschio alfa questo sarà sufficiente per avvicinarla a te, ma a quel punto dovrai agire tu, l’animale da seduzione che è in te dovrà essere libero e non lasciarsi scappare la sua preda.

Diventa un maschio alfa, non fare l’errore di non fare nulla e di delegare tutto ad una inutile quanto banale dichiarazione: dichiararsi a una ragazza è il male assoluto.

Dichiararsi a una ragazza: perché è il male

Dichiararsi a una ragazza è il male assoluto, perché quando lo si fa fa si scaricano tutte le responsabilità sulla tipa di turno. E’ un po’ come dirle: mi piaci tanto, io sono un povero smidollato e ora tu devi scegliere se vuoi uscire con me.

In più si perde totalmente charme, desiderio, appetibilità perché si “oralizza” una informazione che in realtà non dovrebbe essere detta, ma fatta sentire. Una ragazza vuole emozionarsi, non un ragioniere che le spiega come stanno le cose.

Parlare è sopravvalutato, o almeno in certi termini, quando si entra nella sfera emozionale e sentimentale devono essere le sensazioni e il linguaggio del corpo a comunicare, non la bocca!

Magari le piaci un po’

Sapere che le piaci è un qualcosa di importante ma che non può e deve essere banalizzato con frasette adolescenziali e senza emozioni. E poi se tu la stai seducendo che motivo c’è di dirle che ti piace.

Vediamo di razionalizzare l’errore di dichiararsi a una ragazza: in teoria la stai corteggiando da un po’, o almeno spero altrimenti se ti dichiari senza neanche aver fatto nulla significa che o hai 10 anni oppure non hai mai letto una pagina di questo sito.

Tornando a noi si presume un minimo di seduzione da parte tua, ma se stai provando a farla tua, qual è il bisogno di dichiararti? Lei lo dovrebbe già aver intuito, se non proprio capito, che c’è dell’interesse da parte tua.

Quindi dichiararsi a una ragazza non è altro che un ripeterle quello che stai facendo, giusto? Potrei fare un esempio sul sesso: stai a letto con una ragazza e stai per penetrarla, quindi decidi di farle la telecronaca di quanto accade del tipo:

Mia cara sto per infilare il mio nobile pene bella tua vagina, sentirai sfregamento e poi, si spera il prima possibile, un senso di piacere…

Ti sembra che abbia qualche senso? Direi proprio di no. Ma allora perché in tanti si dichiarano? Come al solito questo atteggiamento errato va ricercato nel soggetto che lo attua, non di certo nell’oggetto della sua dichiarazione.

In pratica lei non c’entra nulla, molti diranno che è una tipa:

E via discorrendo per ore e ore di inutili e forvianti scuse. La realtà è ben diversa, qui l’unico che commette un errore ed è egli stesso la causa SEI TU.

Hai paura, non reggi la pressione di una seduzione, di un lungo quanto rischioso corteggiamento e quindi rompi gli indugi e scarichi tutta la tua emotività incontrollata su di lei.

Altra situazione tipica è quella in cui sono mesi (a volte anni) che le vai dietro e non sembra averti mai calcolato più di tanto. Così speri che basti dichiararti per farla cadere nelle tue braccia.

In questo caso, di solito, non c’è stata reale seduzione oppure lei ti ha già fatto capire che non ti vuole! E se non ti vuole hai due strade:

Dichiarati non le farà cambiare idea su di te, anzi! Se mai le farà comprendere di aver fatto bene a non darti neanche mezza possibilità.

Dichiararsi a una ragazza: quando non è un errore, ma in che modo?

Effettivamente ci sono dei rari casi in cui dichiararsi a una ragazza non è poi così sbagliato. Perché lei deve sapere che ti interessa, tu non hai paura di un rifiuto e le palese il fatto che ti piace e che vuoi conquistarla.

Ma non devi andarle sotto casa e dirle “mi piaci tanto” con la faccia da cucciolo bastonato sperando che lei si sciolga di fronte al tuo amore! Non funziona mai così, questo è solo come il sistema ci vuole mostrare che funzioni la seduzione.

Mostrarle il tuo interesse va fatto con delle azioni, non con delle parole. O anche con parole ma non così dirette. Se tu le dici che ti è mancata, guardandola negli occhi e poi abbracciandola, puoi star certo che è come se ti dichiarassi.

Varie situazioni, strategie diverse

Le situazioni sono varie e tutte diverse, sta a te spingere sull’acceleratore facendole sentire il tuo interesse per lei (sentire, non sapere)! Esporsi è giusto ma va fatto con attenzione, delicatezza e anche un pizzico di furbizia.

In un articolo precedente parlo dei complimenti da fare a una ragazza e sul fatto che pochi è meglio. Tempestarla non serve a nulla ma ti fa anche perdere valore ai suoi occhi.

Se però non gliene fai mai, e al momento giusto gliene dici uno (sempre guardandola negli occhi, perché il contatto visivo è fondamentale), è come se le stesse dicendo che ti piace.

Ma non è che finisce così, devi sedurla, sedurla e sedurla con costanza e con leggerezza con l’enorme rischio di esporti e farti molto male. Per questo la seduzione va giocata, si deve osare ma anche sfuggire.

Dichiararsi a una ragazza, per mia esperienza, raramente porta risultati positivi. Meglio se ti fermi e rifletti su quanto hai fatto finora. Se vuoi un metodo per farla tua ti consiglio l’ebook Conquista la ragazza che ti piace, un vero e proprio metodo che aumenterà la tue possibilità di sedurla!

Alcune situazioni

Può capitare – di rado – che dichiararsi porti a un risultato positivo. Si tratta di casi in cui, però, si è già sedotta la persona che interessa. Magari senza rendersene conto, ma è accaduto e questo ha scatenato in lei delle emozioni.

Anche in queste situazioni, però, lei potrebbe chiedere tempo o addirittura rifiutarti. Quindi come vedi anche quando tutto potrebbe andare bene, dichiarandosi si rischia di fare casini inutili.

In seduzione contano i fatti, come in amicizia, per cui se parli e basta ma non le dimostri che ti interessa attraverso una serie di azioni, rischi un due di picche anche se le piaci davvero.

A volte farlo potrebbe anche essere “utile”. Per esempio se stai seducendo una ragazza fidanza o una donna sposata, dirle subito che ti piace (o che la desideri), potrebbe andar bene. 

Essendo lei quella impegnata è anche giusto che sia lei, in questo caso, ad avere la responsabilità di decidere cosa vuole fare. Potrebbe aver bisogno di tempo, oppure potrebbe dirti che hai frainteso (come scusa, ma va bene uguale).

In alcuni casi la tua dichiarazione potrebbe spingerla ad accettare di conoscervi meglio perché saprà di avere un po’ di ascendente su di te e quindi non temerà troppo la situazione.

Dichiararsi con WhatsApp, chat varie

Anche usare le varie menate tecnologiche moderne è sbagliato per dire a una ragazza che ti piace. Non ci sono scuse “se” o “ma”. Oserei dire che farlo usando questi mezzucci è sicuro al 99,99% che lei scappi a gambe levate.

È un atto di pura codardia che ti fa sembrare ciò che, in fondo, sei: un beta. Si tratta di un’azione simile, seppur opposta nella finalità, al lasciare una persona con un messaggio!

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. glo ha detto:

    no dai.. il male assoluto no!
    è bello invece.
    non siamo tutte così infami.

    piuttosto..

    che effetto fa ad un uomo se è la donna per prima ad esprimere quello sente? (e non parlo di due che non si conoscono più di tanto, ma di due che hanno già una mezza storia avviata..)

    • ilSensei ha detto:

      Non ho mai sentito di una sola volta in cui dichiararsi abbia portato altro che non un incremento dell’ego della ragazza. Purtroppo non funziona, perché se arrivi a dichiararti significa che non hai più alternative seduttive e ti butti, disperato, ai suoi piedi sperando che accada come nei film, ma non accade.
      Per la seconda domanda, direi che dipende dal perché quei due si frequentano, se è solo per sesso, o per amicizia, dichiararsi continuo a pensare che sia inutile e non addirittura distruttivo. Se invece è una frequentazione più intensa a livello emotivo, dichiararsi potrebbe avere l’effetto di farlo scappare. A mio avviso, nei rapporti sentimentali, le parole servono solo per chiarire qualcosa che è stato già sancito dalle azioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.