Vai al contenuto

Esagerare con le donne è una via per lo psichiatra

Chi esagera nel pressare le donne – e me – è una persona che ha bisogno di un aiuto più concreto di una consulenza di seduzione o un commento di risposta. Esagerare con le donne è, a mio avviso, patologico. Se esageri con me, che non sono una brava ragazza paziente, rischi subito che vada per vie legali…

Non riuscire ad accettare un NO, come risposta, genera in persone di questo tipo comportamenti che possono scadere nell’illegalità.

Se una ragazza non vuole uscire con te, o una ex non desidera ricominciare una relazione e tu non lo accetti, ti posso solo dire, con la massima sincerità, di trovare uno specialista che ti aiuti. Non sei “malato”, ma probabilmente porti dentro di te qualcosa che va risolto.

Anche a me capitano dei personaggi – che da una parte mi fanno dispiacere, dall’altra incazzare – che non sanno accettare le risposte che non gli piacciono.

Se ti rivedi in questi esempi, hai un problema

Esagerare con le donne, l’ho visto fare troppe volte

Dopo 20 anni che lavoro nell’ambito della seduzione ne ho viste di ogni genere. Situazioni al limite della follia, spesso incredibili, in cui chi mi chiedeva aiuto esagerava. Pretendevano che gli dessi le risposte che loro volevano, oppure che li aiutassi a risolvere tutte le loro turbe psichiche.

Io non sono questo, io aiuto a sedurre. Provo a dare un minimo di educazione sessuale e comportamentale, ma lì mi fermo. Purtroppo alcuni credono che io sia un maestro che trasformerà le loro vite tristi in fenomenali.

La vita è la loro e se la devono risolvere, non sarebbe corretto sia dal punto di vista morale che etico, se mi mettessi a fare lo psicologo. La seduzione non è psicanalisi e io non curo i malati di mente.

Avrei centinaia di esempi da fare di persone che non accettano un NO, che mi stalkerano e fanno i furbetti pensando che non me ne accorga. Ma come monito parlerò, in questo articolo, di un paio perché, in tutto il loro comportamento, ho rivisto tratti che ritengo pericolosi, non solo per loro, ma per chi gli sta intorno.

Primo caso: il fenomeno

Il primo disadattavo che ho avuto la sfortuna di incontrare mi scriveva commenti di una lunghezza imbarazzante. Come sapete, rispondo pressoché a tutti, ma stiamo parlando di “commenti”, quindi è giusto porre domande semplici alle quali posso rispondere in modo valido, ma rapido.

In passato, su un altro mio sito, mi arrivavano anche 50 commenti al giorno, se fossero stati lunghi come quelli del “fenomeno”, ci avrei messo 12 ore solo per leggerli tutti.

Il primo punto è quindi il rispetto: costui non ne aveva né per me, e neanche per gli altri – educati – che facevano domande dirette.

Questo comportamento, del “fenomeno”, da cosa dipendeva? Non posso dare risposte certe, ma dopo averci parlato al telefono, posso dire che – a mio personale avviso – lui si credesse meglio degli altri, perché è un insicuro cronico.

Aspetta. La storia non finisce qui

Gli dissi che non potevo più seguirlo, a mio avviso non potevo più aiutarlo. E nel fare questo, a livello economico, ho perso un cliente. Ma ho preferito chiudere perché dare consigli, comporta anche una responsabilità morale, quindi aiuto fin dove posso.

Costui, a dimostrazione che la mia intuizione fosse esatta, mi ha contattato dopo alcune settimane sui commenti, con un nuovo nick. Mi ha scritto per settimane per poi chiedermi una consulenza, e qui il genio:

  • mi ha dato un numero di un suo amico da cui si è fatto prestare il telefono.
  • Ha usato il Paypal di un’altra persona dicendomi che il suo era stato bloccato.

Sapevo già chi fosse, e poi ne ho riconosciuto la voce, l’accento e il modo di parlare.

Per un paio di mesi gli ho dato la possibilità di dirmi la verità, non è mai accaduto. A dimostrazione che una persona così ha problemi – sempre secondo il mio personale parere – che vanno affrontati da uno psicologo/psichiatra.

Esagerare con le donne, o con me, è dimostrazione chiara di qualcosa che non va. Non è una colpa, fin quando non si fanno delle vere cazzate o si mette pressione all’altra persona mettendola a disagio (es. Stalking, violenza, invasione della privacy fino all’omicidio).

Split!

C’è un film interessante, Split, in cui il protagonista ha 24 personalità differenti. Il nostro di Split non ne ha così tante, ma con me credo sia a quota 5!

Prima mi ha tartassato, come il “fenomeno”, con centinaia di commenti lunghissimi in cui cercava sempre rassicurazioni: io non le do, non lo vedo così il mio ruolo. Io provo ad aiutare a migliorare in seduzione, forse non è chiaro!

Quando ho deciso di non rispondergli più, anche perché faceva sempre e solo domande sul Reset inserendoci milioni di possibili casi, mi ha scritto un commento spacciandosi per uno psicologo che mi consigliava di aiutare, guarda caso, proprio il nostro Split!

Non contento mi ha scritto, lui stesso, varie email (che come regola uso solo per le prenotazioni), poi ha scritto spacciandosi per suo cugino (ma chi è Elio e le Storie Tese?!).

E come suo “cugino” mi ha anche insultato – e questo è perseguibile legalmente – e infine, colpo di genio, mi ha scritto a nome di sua madre. Tra le frasi più belle c’era “cuore di mamma”, ma quale madre scriverebbe una cosa del genere?

E per concludere ha ricominciato a scrivermi con un nuovo nick, facendo solo domande sul Reset (che c’è di così difficile da capire?) e pretendendo risposte.

Esagerare con me ed esagerare con le donne

Spero che, leggendo questi due casi eccessivi, alcuni si siano posti un po’ di domande. Su tutte, se costoro si comportano così con me, un estraneo di 95 kg di muscoli che li ciancicherebbe con una mano, cosa potrebbero fare con una ragazzetta magrolina ed educata?

Io so difendermi, dal punto di vista psicologico intendo, anche se trovo questi comportamenti come minimo fastidiosi, se non peggio. Tu, se avessi una sorellina, la vorresti vedere con ragazzi che si comportano in questo modo?

Il rispetto non è un interruttore che puoi accendere o spegnere quando ti fa comodo, stessa cosa per l’educazione. Poi si sente di omicidi di donne, di stupri, stalking o altre catastrofi umane e ci si chiede il perché.

Credo che in tutti noi ci sia un lato pericoloso e oscuro, uomini e donne, che però possiamo controllare noi stessi ascoltando la nostra cazzo di coscienza.

Se il semaforo è rosso, di notte e in una strada deserta, passeresti?

Se hai pensato di sì, o a un “dipende” dalla situazione, significa che anche tu potresti esagerare con le donne, magari non lo farai mai, però il 95% dei crimini su donne e minori avvengono in casa, dove nessuno può controllare.

Ps: se non condividi quanto scritto, e pensi che sia sbagliato perché tu sei uno che “non si arrende”, cambia sito.

2 commenti su “Esagerare con le donne è una via per lo psichiatra”

  1. Va bene così,mi arrendo. Adesso finalmente ho capito dove sono arrivato,e non voglio chiaramente che si arrivioltre (vie legali intendo) perchè sarebbe davvero brutto. Va bene così…

  2. Forsw ho capito a chi e rivolto velatamente l’articolo…
    Effettivamente le conseguenze potrebbero essere assai peggiori se si insiste…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *