ex
Ex!

Il metodo che aumenta le tue possibilità di riconquistare la ex

Riconquistare l’ex, che sia un uomo o una donna, è quasi sempre un processo complesso che richiede un metodo semplice e chiaro.

Per prima cosa dobbiamo capire che tipo di “litigio” è. Quindi devi esserne sicuro per comprendere quale strategia applicare per riconquistarla.

Ce ne sono 2 tipi:

  1. Allontanamento per piccole incomprensioni (di solito è più una forma di discussione) che chiameremo Pausa.
  2. Rottura totale per differenze insanabili (apparentemente).

Il primo caso si verifica quando litigate in modo molto acceso, magari per ragioni esterne alla coppia, che però ha strascichi molto forti.

Anche se è facilmente recuperabile il più delle volte nasconde delle insidie ed è un ottimo campanello di allarme per problemi maggiori.

Questa distinzione (Pausa o Rottura) è importantissima, infatti nel primo caso è necessario aspettare soltanto una giornata per poi agire.

Infatti un piccolo litigio, se non affrontato subito, può diventare la causa di eventi nefasti ed incontrollabili. In questo caso sta a te capire che tipo di litigio è, solitamente è abbastanza semplice.

Devi anche essere in grado di capire:

  • se è colpa maggiormente tua o sua.

Se è sua non stare a scusarti, faresti la figura dello zerbino e perderesti forza nel rapporto (vedi capitolo precedente).

Comunque per evitare problemi sulla distinzione se è una Pausa o una Rottura ho preferito creare una “linea del tempo” in base alla quale devi seguire determinati comportamenti.

Nella prima settimana, devi agire e fare di tutto per riconquistarla. Di solito i piccoli screzi possono essere riparati in pochi giorni con le giuste attenzioni.

Se entro la prima settimana, purtroppo, lei ancora non ne vuole sapere di rimettersi con te, ma anzi ti chiede tempo e spazio, dice che non vuole vederti allora sei ufficialmente nella zona Rottura.

Da qui ad alcune settimane, di solito 4-8 dovrebbero bastare, devi entrare in modalità Reset.

Nb: Sono periodi orientativi che variano da persona a persona, sta anche alla tua capacità di comprenderne la durata necessaria.

Durante la prima settimana dal litigio devi fare di tutto per riconquistarla (se ovviamente avete litigato per “colpa” tua.

Questo è necessario per evitare che una Pausa si tramuti in una Rottura. Per riconquistarla possono andar bene le strategie comuni come regali, fiori, lettere sdolcinate.

È importante mostrare subito che si ha capito l’errore e che si vuole rimediare

Se entro la prima settimana non è stato possibile rimettere la situazione a posto, allora siamo di fronte ad una vera e propria Rottura.

Da qui in poi devi seguire un Reset. È fondamentale da qui in poi chiudere qualsiasi rapporto e forma di comunicazione con la tua Ex. Evitare quindi:

  • Facebook, Instagram, Whatsapp,
  • sms,
  • mms,
  • email,
  • telefonate,
  • appostamenti,
  • chiedere ad amici comuni,
  • improvvisate,
  • mazzi di fiori
  • e quant’altro tu voglia fare per riconquistarla.

Venire contro anche ad uno solo di questi punti può farti tornare indietro di settimane o addirittura mesi, devi essere integerrimo e risoluto nel NON CONTATTARLA.

L’ex ti ha mollato, cosa ti consigliano gli altri di fare?

Appena hai realizzato che lei ti aveva definitivamente lasciato, qual è stato il tuo primo pensiero?

Immagino di correre da lei con un mazzo di rose rosse e dirle che l’amavi e che per lei saresti cambiato. O qualcosa di simile, ma il succo rimane lo stesso, e magari hai proprio agito così.

Risultato?

Nel migliore dei casi nessuno, nel peggiore si è allontanata ulteriormente. Eppure al cinema funziona sempre, lui fa qualcosa di sorprendente, che le dimostra che l’ama davvero, le regala un diamante sotto una pioggia di petali mentre il suo gruppo preferito le suona dal vivo la loro canzone.

Ma è totalmente inutile. Nella maggior parte dei casi lei non ti ha lasciato perché non l’ami, ma per mille altre ragioni.

Così ancora più confuso sei andato a chiedere aiuto ai tuoi amici e più fidati conoscenti. Anche loro, in buona fede, ti avranno consigliato di correre da lei, di riempirla di attenzioni e di scusarti mille volte per i tuoi errori.

Risultato?

Nel migliore dei casi nessuno, nel peggiore si è allontanata ulteriormente.

Sempre più disperato ti sei documentato su internet e su decine di libri scritti la maggior parte da donne che non sanno cosa vogliono, figuriamoci  se sanno cosa vogliono altre donne. Oppure scritti da maschi beta in crisi di mezza età.

Risultato?

Nel migliore dei casi nessuno, nel peggiore si è allontanata ulteriormente.

Il Reset per mettere ordine

Qualsiasi cosa hai fatto finora non è servita assolutamente a nulla. Troppo spesso si pensa che negli affari di cuore l’unica arma da usare sia, appunto, il cuore.

In realtà si deve usare il cervello, essere abbastanza forti, per te e per lei, e usare la mente per capire, risolvere, riparare e migliorare.

Il Reset si basa sul bisogno della tua Ex di rifiatare e riflettere. Si dice che chi più ami più ti fa soffrire.

Probabilmente le ferite del vostro rapporto sono assai profonde e qualsiasi tuo tentativo di alleviarle il dolore peggiorerebbe la sua situazione.

La fine di una storia è anche l’ammissione di un fallimento, l’aver investito tempo, sentimenti e fatica per costruire qualcosa per poi vederlo morire, è un’esperienza dolorosissima che può scatenare malattie come la depressione.

Il vederti e sentirti non le permetterebbe, prima di ogni cosa, di elaborare il “lutto”. Sarebbe una sorta di accanimento terapeutico, che non serve a nessuno ma fa solo soffrire entrambi.

Col tempo le sue ferite si rimargineranno un po’, e dal dolore intenso passerà alla malinconia. A questo punto potrà pensare, ed essere più lucida su di voi.

I bei ricordi saranno preponderanti rispetto a quelli brutti e le sensazioni miglioreranno, inizierà a sentire la mancanza delle tue attenzioni, della tua presenza, di te.

Lentamente quella visione così negativa farà spazio ad una visione più realistica (sicuramente ancora negativa), ma non esasperata dalla rabbia che aveva i primi giorni.

Per fare tutto ciò ci può volere un po’ di tempo, di solito minimo un mese fino anche a 5-6, dipende dalle persone e dalle ferite che vi siete inflitti.

È essenziale armarsi di tanta pazienza e della consapevolezza che tutto questo potrebbe non bastare, perché obbligare qualcuno ad amarci è semplicemente impossibile.

Ex e vantaggi del Reset

Il Reset ha anche un altro vantaggio, questa volta per te, ti permette di prenderti del tempo solo per te stesso.

Ormai eri abituato a fare tutto in coppia, a prendere decisioni in due e quant’altro. Hai messo un po’ da parte quello che realmente tu desideri, quello che sei e che vuoi fare.

Soprattutto hai dimenticato chi sei, il tuo vero IO. Questi mesi non ti devono servire per rimanere chiuso in casa  a non fare nulla e ad aspettare che lei torni da te come se stessi cucinando una pietanza al microonde.

Ora devi migliorare, ricominciare a vivere e riacquistare quell’entusiasmo che non solo ti caratterizzava, ma che anche uno dei motivi per cui lei si è messa con te.

Sei un drogato

Non ci credi? Te lo dimostro con un semplicissimo esperimento:

Immagino che è da qualche ora (almeno) che non fai nulla per riconquistarla. Ti senti male, se di pessimo umore e non hai la minima voglia di uscire (forse in questo momento che stai leggendo ti senti un po’ meglio perché hai intravisto una speranza).

Tornando all’esperimento, imprimiti nella tua mente come ti senti, il tuo malessere. Ora prendi il tuo cellulare e scrivile un semplice sms, nulla di eclatante, magari come sta e che pensavi a lei.

Inviato?

Si? Bene! Ti senti un po’ rinfrancato, anche solo leggermente? Nel 90% dei casi sì, questo perché sei un drogato.

E come tale hai ormai bisogno della tua “dose” di lei, ma soprattutto del “fare qualcosa” per riprenderla. Tra qualche minuto, ti sentirai un po’ più triste e depresso, fino a cadere in un forte malessere.

Un tossicodipendente fa la stessa cosa, è in crisi di astinenza, sta malissimo.  Finché non riesce a rimediare una dose che lo sballa, lo fa sentire di nuovo bene.

Appena l’effetto finisce si sente di nuovo male, per certi versi anche peggio di prima, in lui c’è anche il ricordo di quanto stava bene qualche attimo prima.

L’unico strumento per uscire da una dipendenza è fare a meno della sostanza incriminata, in questo caso l’ex.

Quando vedi un tossicodipendente provi allo stesso tempo pietà e ribrezzo, che sia ad esempio un barbone ubriaco sul ciglio della strada, pensi :“come ha fatto a ridursi così, poveraccio”.

Questo amore-odio è dato dall’empatia nei suoi confronti (perché sai che potresti finire come lui), e dall’idea che però tu sei più forte e non ti ridurresti mai in quello stato.

Le persone intorno a te, in questo preciso momento, la pensano allo stesso modo nei tuoi confronti. Hanno pena e disprezzo perché ai loro occhi la tua è una esagerazione, uno psicodramma! Ma tu stai male, soffri e non sai come uscirne, se solo loro sapessero…

Ex: amore e odio

Loro sanno, come tutti, però l’amore-odio di prima fa si che ti giudichino in questo modo. Serve logica e razionalità, oltre a tanta forza d’animo per uscire da una dipendenza, ed è quello che faremo insieme per poi riuscire a riconquistare la tua ex!

Il Reset è il primo passo verso la guarigione e la riconquista. Ti devi disintossicare, sarà durissima, ma ce la puoi fare perché ora sai cosa devi effettivamente fare (e soprattutto non fare!).

Il secondo passo è di utilizzare una sorta di “metadone” per cuori infranti, per aiutarti nella tua guarigione.

Il metadone è un oppiaceo sintetico che viene utilizzato per uscire dalla dipendenza dall’eroina.

Il tuo, di metadone, saranno le altre donne.

Ti potrebbero interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *