Le posizioni del Kamasutra per fare l’amore

Quando si parla di sesso e di posizioni dell’amore, la prima cosa che viene in mente é il Kamasutra. In occidente se ne parla da relativamente poco tempo mentre in India, 2000 anni fa, c’era un popolo di guerrieri che lo praticava e lo scolpiva nelle pareti dei propri templi.

Le pratiche del Kamasutra sono arrivate fino a noi attraverso un libro scritto, tra il 100 e il 400 a.C., da un nobile indiano di nome Vatsyayana per iniziare i giovani nobili all’arte amatoria.

Bisogna ricordare che in quei tempi erano importanti per un uomo tre qualità fondamentali:

  • il Dharma ossia l’acquisizione di meriti religiosi,
  • l’Artha legata all’acquisizione della salute e
  • il Kama ossia il raggiungimento dell’amore e del piacere sessuale.

Dall’unione di Kama (piacere o benessere) e Sutra (aforisma) é nato per magia il Kamasutra come lo conosciamo oggi, ossia un compendio di regole, consigli e segreti sull’amore.

Il Kamasutra non è solo penetrazione

Oggi quando parliamo di Kamasutra pensiamo subito alle varie posizioni dell’amore e a corpi nudi uniti in incastri fantasiosi.

In realtà il contenuto del Kamasutra é molto variegato e dovremo considerarlo come un manuale per imparare ad amare.

Va inteso come uno strumento per capire come funziona la nostra sessualità e quella della donna. Serve per farci rendere conto che il sesso non è solo penetrazione ma un universo complicato costituito da tanti elementi tra di loro collegati. Per essere un bravo amante è necessario capire a fondo tutti questi elementi.

Nell’antico libro si parla dell’amore in generale:

Grande importanza è data dall’unione di corpo e mente e non poteva essere altrimenti considerando che tutte le posizioni per fare l’amore descritte nel libro derivano da quelle dello yoga, il cui scopo é di creare armonia tra il corpo e la mente.

Quanto contano le dimensioni del pene nel Kamasutra?

Uno dei problemi che affligge gli uomini moderni è la dimensione del pene. Siamo cresciuti nel mito che le dimensioni sono fondamentali per far godere una donna e che senza l’attrezzo giusto non saremo mai dei bravi amanti.

Nel Kamasutra è trattato questo argomento in modo molto intelligente e anche noi dovremmo trarre insegnamenti utili dai consigli del nobile indiano.

In uno dei capitoli iniziali del Kamasutra si fa una suddivisione degli uomini e delle donne in base alla dimensione del loro sesso.

E già qui dovremmo capire l’alto livello di conoscenza che aveva raggiunto sulla sessualità maschile e femminile, considerato che considera anche le dimensioni della vagina.

E tu che animale sei?

A seconda delle dimensioni del pene un uomo potrà essere lepre, toro o cavallo mentre una donna, a seconda della profondità della vagina sarà cerbiatta, giumenta o elefante. Avremo così tre coppie formate da amanti di dimensioni compatibili che daranno unioni sessuali soddisfacenti e sei unioni non corrette.

Oggi siamo tutti focalizzati sulle dimensioni di lui e basiamo la virilità maschile sui centimetri, mentre il Kamasutra ci insegna che é tutto relativo e, anche se non ho le dimensioni da attore da film porno, questo non sarà un problema se la mia donna ha la vagina poco profonda.

Anche quando ci compriamo un paio di scarpe c’è una bella differenza tra infilare il piede in una scarpa della corretta misura o in una molto più grande.

Questo approccio risulta molto intelligente perché, a pensarci bene, il pene va infilato da qualche parte e soltanto una combinazione corretta garantirà piacere ad entrambi gli amanti.

Le posizioni per fare l’amore

Finalmente arriviamo alla parte per cui il Kamasutra é maggiormente conosciuto in occidente, ossia le posizioni del sesso, tanto che questo capitolo spesso viene confuso con tutto il libro. Si parla di 8 modi di base di fare l’amore ciascuno formato da 8 posizioni (e si arriva a 64 varianti).

Già duemila anni fa era capito che la monotonia uccidesse l’amore e l’affinità di coppia.

Per questo bisogna essere fantasiosi e fare sesso sempre in maniera diversa, per non annoiarsi e avere la possibilità di soddisfare le esigenze sessuali di entrambi i partner.

Avevano raggiunto una conoscenza così profonda del sesso che avevano capito che uomo e donna hanno bisogni sessuali differenti che devono essere soddisfatti. Un bravo amante deve pensare non solo a sé stesso ma soprattutto al compagno di letto.

Le posizioni del Kamasutra sono fatte per accontentare tutti i gusti di tutti gli amanti. Ci sono le posizioni che piacciono a lei in grado di stimolarle il clitoride e il Punto G e che le permettono di raggiungere l’orgasmo più velocemente.

Ci sono le posizioni preferite dagli uomini capaci di soddisfare il loro desiderio di dominio e che permettono una visuale completa del corpo della donna.

Con la giusta posizione è possibile migliorare le prestazioni sessuali, durare di più a letto e vincere l’eiaculazione precoce.

Infine, per i più fantasiosi, ci sono le posizioni acrobatiche ed atletiche per non annoiarsi mai e fare l’amore sempre in modo differente. Si possono tentare le “sculture erotiche”, ossia posizioni da fare in piedi che prendono il nome dalle statue che per tradizione si trovano nei templi indiani.

Quali sono le posizioni migliori?

Nel Kamasutra vengono anche suggerite le posizioni migliori per fare l’amore a seconda della combinazione uomo-donna di cui abbiamo prima accennato.

Ci saranno le posizioni che permettono la massima penetrazione nel caso in cui l’uomo abbia il pene piccolo e la donna una vagina grande (posizione della Moglie di Indra).

Mentre la posizione dell’Amazzone va bene nel caso in cui l’uomo ha il pene grande e la donna la vagina piccola.

Come possiamo constatare il Kamasutra é molto democratico, non si parla di dimensioni piccole in assoluto ma di dimensioni relative e della loro giusta combinazione.

Il Kamasutra, non solo sesso

Oggi quando parliamo di Kamasutra ci vengono in mente solo le posizioni dell’amore e i corpi avvinghiati in qualche posizione impossibile.

In realtà il contenuto di questo libro è molto più vario perché è nato come un manuale per insegnare le arti amatorie, la seduzione, come è fatta la sessualità della donna. 

Si parla infatti di come baciare una donna, di come sedurre, l’importanza dei preliminari in amore, le zone erogene femminili, di come avviene l’orgasmo e come fare un massaggio.

L’importanza dei preliminari nel Kamasutra

I preliminari sono stati considerati fin da subito di primaria importanza (anche se oggi ce ne siamo scordati). Quando si va a letto con una donna non bisogna pensare solo alla penetrazione e fiondarci sulle zone erogene primarie (vagina e quello che gli ruota intorno) perché la sessualità della donna è differente dalla nostra ed è regolata con tempistiche differenti.

I preliminari iniziano prima di incontrare l’amante curando il nostro aspetto fisico e l’igiene personale.

Bisogna presentarsi all’incontro amoroso puliti e profumati per risvegliare subito la sessualità.

Nel Kamasutra viene suggerito anche di fare il bagno insieme prima del rapporto, perché è un modo di scambiarsi attenzioni e di conoscere meglio il corpo del partner.

I preliminari nel Kamasutra sono vari e coprono ogni parte del corpo:

  • baci,
  • abbracci,
  • carezze.

I preliminari in amore sono fondamentali per portare la carica erotica del rapporto a livelli alti e facilitare così entrambi a raggiungere l’orgasmo.

La donna ha tempistiche differenti di quelle dell’uomo e ha la necessità di essere portata all’eccitazione lentamente.

Inoltre i preliminari possono essere un aiuto per chi soffre di eiaculazione precoce. Infatti stimolando opportunamente la donna con carezze e massaggi, la puoi portare all’eccitazione e farle raggiungere l’orgasmo con la penetrazione senza avere la necessità di farla durare per ore.

Il Kamasutra e il sesso orale: cunnilingus e fellatio

Il Kamasutra non tralascia nulla e approfondisce anche il sesso orale: il cunnilingus e la fellatio.

Il sesso orale, se applicato nella maniera corretta, procura grande piacere a chi lo riceve e stimola tutti i sensi a chi lo concede.

Grazie al cunnilingus l’uomo può stimolare nella maniera opportuna il clitoride femminile, una delle zone più sensibili della donna. Tutto questo senza tralasciare il perineo, la zona tra la vagina e l’ano, anch’essa ricchissima di terminazioni nervose e fonte di immenso piacere.

Con la fellatio, al contrario, é la donna a dare tanto amore all’uomo e fargli raggiungere l’orgasmo con relativa facilità. Il lato positivo del sesso orale é che chi lo riceve può dedicarsi a sé stesso e concentrarsi su quello che prova.

Le zone erogene 

Il compito fondamentale del Kamasutra è di far conoscere all’uomo come funziona il corpo femminile per diventare un amante perfetto.

In particolare è importante conoscere le zone erogene, ossia quei punti del corpo della donna che se opportunamente stimolati la portano all’orgasmo.

In particolare le zone erogene vengono divise:

  1. in primarie, ossia quelle legate agli organi sessuali, e
  2. secondarie che è ogni punto del corpo che può far salire l’eccitazione.

Inoltre sarà bene conoscere anche il nostro corpo per capire come risponde agli stimoli, come funziona la nostra sessualità, in che modo raggiungiamo l’orgasmo e quali sono i meccanismi che lo regolano.

Solo conoscendoci a fondo saremo anche in grado di tenere tutto sotto controllo, vincere l’eiaculazione precoce ed essere soddisfatti da ogni rapporto sessuale.

Le posizioni per stimolare il Punto G

Il Punto G è quella zona della donna che bisogna stimolare per farle raggiungere l’orgasmo vaginale. Si trova nella vagina a pochi centimetri di profondità nella parete anteriore vicino al Monte di Venere.

Ci sono diverse posizioni del Kamasutra che ci permettono di stimolare il Punto G e portare una donna all’orgasmo. La posizione della pecorina è quella in cui la donna è a quattro zampe e l’uomo la penetra da dietro. Si può ottenere una penetrazione molto profonda e stimolare tutte le pareti della vagina.

Molto indicata è anche la posizione del Kamasutra dove la donna è sdraiata supina con le gambe dritte in aria. L’uomo aiuta la donna a reggere le gambe e la penetra stando in ginocchio. Con questa posizione il Punto G è stimolato perché è rialzato ed inclinato.

La posizione del cucchiaio è quella dove i due amanti sono sdraiati di lato e lui penetra la donna da dietro. Con questa posizione del Kamasutra si stimola facilmente il Punto G e il clitoride.

Anche la posizione del loto dove la donna è distesa sulla schiena con le gambe divaricate e l’uomo le afferra i piedi sollevandole il bacino. Con questa posizione del Kamasutra viene stimolato il Punto G grazie al sollevamento del bacino della donna.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *