Vai al contenuto

Lei fa la difficile, quando un No significa sì

Perché lei fa la difficile anche quando sembra il contrario? Quante volte ti sarà capitato (se non a te ad amici e conoscenti), che una ragazza dicesse di no, magari anche più volte, per poi fare tutto il contrario?

Un sì è sempre un no e viceversa? Non diciamo sciocchezze, la bravura di un buon seduttore (o semplicemente di una persona attenta ed empatica), sta nel capire cosa intende davvero la donna con quel NO.

Siamo in un terreno molto pericoloso ed è difficile non strumentalizzare quanto sto per dire, o modificarne il senso per i propri scopi. Si rischia di scadere nella “violenza”, non solo fisica, quando si obbliga qualcuna/o a fare ciò che non vorrebbe.

Per cui attenzione, insistere non è mai una cosa giusta, però ti è concesso di trovare altre strade per far sì che quel NO divenga un sì.

Come? Con la seduzione

Ma andiamo per gradi. Perché le donne, spesso, dicono no quando in realtà vorrebbero dire di sì? Se vogliamo analizzare a livello sociale questo atteggiamento ci basta studiare cosa accadeva nei secoli passati quando ogni decisione spettava al maschio.

Di conseguenza le donne erano (ingiustamente) deresponsabilizzate e accettavano con passività le decisioni degli uomini, togliendo loro libertà ma anche l’onere della scelta e delle conseguenze.

Ti sei mai chiesto perché l’uomo dovrebbe decidere dove andare a cena? Che cosa fare la sera o che film proporre? Non è dovuto alla natura umana, ma alla storia umana contraddistinta dall’egemonia maschile e da come veniva trattata la donna.

Non possiamo cambiare la storia e neanche la mentalità umana, ciò che possiamo fare è capire che le cose – nel bene e nel male – stanno così, e agire di conseguenza.

In primis eliminiamo qualsiasi forma di violenza (fisica e psicologica) dalla interazione con una ragazza. Per cui impara a capire le sue sensazioni ed emozioni per non scadere in comportamenti sbagliati.

Cosa fare se lei fa la difficile?

Anzitutto notiamo che ho scritto “fa” la difficile. Significa che è un suo comportamento voluto, se non le piaci non fa la difficile, ma ti sta rifiutando. Al contrario, quando si comporta in questo modo anche avendo dimostrato interesse, allora entra in campo la scusa sociale!

Piccolo passo indietro: per capire una ragazza è utile sviluppare alcune capacità e tecniche che sono la base della seduzione:

La scusa sociale è una “balla” apparentemente realistica che lei ti propina per non prendersi la responsabilità di una azione.

Se siete a letto, e le proponi un gioco di ruolo (non Dungeons and Dragons!) in cui lei deve fare la maestra sexy, è facile che all’inizio possa dire di no. Però vorrebbe provare, allora perché si rifiuta?

La vita (e la storia) le hanno insegnato a non prendere una decisione per non esporsi. Così preferisce farsi “convincere” da te anche se non ce ne sarebbe bisogno.

Ma è folle? Direi che non serve a nulla giudicare il comportamento femminile, credo invece che sia meglio accettarlo, capirlo e imparare a gestirlo.

Non andare diritto al punto e non tentare di spiegarle con la logica perché dovrebbe fare qualcosa con te. Invece lascia stare, trova una via diversa per intrigarla lasciandole credere che la decisione, in fondo, l’hai presa tu da solo e lei ha solo accettato senza prendere alcuna posizione.

Questo è uno dei rarissimi casi in cui mentire, o meglio manipolare un po’ la realtà è accettabile. Un seducente inganno che però è solo formale, non sostanziale. Non le stai dicendo una bugia ma le stai mostrando solo una nuova versione della stessa cosa.

In pratica?

1. Immagina che dopo una bella serata, in macchina sotto casa sua, le dici di farti salire così che possiate fare sesso: lei ti dirà di no!

2. Prova a parlare con lei chiedendole se vive con qualche amica, da quanto tempo abita lì. Ascolta le sue risposte e dille che sei curioso di vedere il panorama, come ha sistemato i mobili ecc ecc, si tratta chiaramente di una scusa.

Se anche lei ha voglia di fare sesso con te, nel primo scenario, nel 99% dei casi ti dirà di no (scusa sociale).

Nel secondo è assai probabile che accetterà.

Sono solo esempi che devono farti capire che le donne preferiscono un approccio sfacciato ma intrigante (e quindi un po’ furbo), per non sentirsi troppo responsabili di quello che fanno.

La scusa sociale viene utilizzata per colpa del giudizio altrui che, specialmente nei confronti delle donne, è maschilista e aggressivo (anche da parte di altre donne).

Quando una ragazza va a letto la prima sera con un ragazzo, non dice quasi mai “ero eccitata, volevo farci sesso fino a morire”. Invece dirà che era stata una serata magica, lui molto galante e poi aveva bevuto un bicchiere di troppo e così via.

14 commenti su “Lei fa la difficile, quando un No significa sì”

  1. Ciao sensei ..sono il ragazzo dei mess ogni 5 giorni per due settimane del periodo brutto di lei le ho detto di vederci mi ha dato ok poi però ha inventato scuse e non ci siamo visti , cosa faccio ?

    1. Sta a te decidere, o continui per altre due settimane e poi la inviti di nuovo, oppure chiudi. Non ci sono molte altre strade.

  2. Il ragazzo delle due D

    Va bene perfetto! Il tuo consiglio comunque (oltre a godermi la vita) è di richiederle di uscire dopo le vacanze, corretto?

  3. Il ragazzo delle due D

    Chiaro, non rinuncio alle mie cose per lei. Quindi dici comunque di reinviarla a vederci post-ferie? Perchè non capisco se il suo è un modo indiretto per dirmi “no non ho voglia di vederti” ( il che non capirei visto che è stata lei a provarci per prima con me).

    1. Io non so cosa possa pensare lei, il mio consiglio è chiaro: vivi la tua vita senza stravolgerla per lei. Se poi vi vedrete prima o dopo le vacanze non cambia nulla.

  4. Il ragazzo delle due D

    Sensei le ho chiesto come era messa con Il lavoro e mi ha risposto “male ahaha” e le ho chiesto poi se avesse un pomeriggio libero per vedervi questa settimana, mi ha risposto che ha libero solo il weekend ma che è via e che mi avrebbe fatto sapere per settimana prossima, io le ho risposto che non posso perché sono in vacanza.
    Cosa dovrei pensare / come gestisco la situazione?

    1. Fai le cose che puoi fare, non cambiare la tua vita per una persona. La sentirai quando tornerai dalle vacanze (mandale un paio di foto).

  5. Il ragazzo delle due D

    Sensei ho ascoltato il tuo consiglio, ci siamo sentiti mercoledì/giovedì e l’ho invitata a vederci per studiare assieme settimana prossima, mi ha risposto di si se riesce con il lavoro e che ci saremmo organizzati, abbiamo messaggiato un po’ dopodiché non ha più risposto ( non ha ascoltato l’ultimo audio) probabilmente perchè incasinata essendo in fase di trasloco più turni pesanti al lavoro.
    La mia domanda è: visto che non ci siamo più scritti mi faccio sentire io domani/dopodomani per capire come organizzarci o è sbagliato?

  6. Il ragazzo delle due D

    Ciao Sensei, secondo te come mi dovrei comportare con l’altra D.? Quella che a dicembre aveva esplicitamente detto che sarebbe venuta a letto con me. Le volte che ci scriviamo ( poche, per via degli esami) spesso tronca la conversazione di punto in bianco ( anche quando mi scrive lei per chiedermi qualcosa per l’università). L’ultima volta le avevo addirittura chiesto se le servisse una mano per l’esame e non mi ha nemmeno risposto. Come mi comporto?

  7. Ciao Sensei. Per impegni lavorativi ho dovuto declinare un appuntamento con una ragazza. Nonostante l’abbia telefonata per tempo, lei, l’ho sentita un pò risentita di questo. Tu come mi consigli di agire ora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *