per non essere più uno zerbino

Per non essere più uno zerbino

Cosa puoi fare di concreto per non essere più uno zerbino e magari iniziare a sedurre le donne?

Tante, troppe volte nella tua vita sei stato trattato da zerbino. A ogni persona è capitato, ci siamo sentiti impotenti e presi in giro fin quando non siamo riusciti a lasciarla andare, oppure è fuggita lei.

Non c’è nulla di cui vergognarsi, fa parte del crudele gioco della seduzione e non ti classifica come un beta. Ciò che lo fa, invece, è la mancanza di volontà nel capire e migliorare.

Accettare le sconfitte, gli errori e le umiliazioni per crescere e mettersi in gioco è una delle migliori doti del maschio alfa.

Lei ti ha trattato da zerbino, ma tu non hai fatto poi molto per impedirglielo, le hai proposto solo una versione molliccia e senza spina dorsale di te. Quindi sei colpevole quanto lei.

Finalmente è arrivato il momento di cambiare le cose, magari non con lei, ma con la prossima. E il primo passo è tirarla giù dal piedistallo dove tu stello l’hai messa. Credi sia una dea perfetta? Errore.

Giù dal piedistallo

Sicuramente stai pensando, ne sei convinto, che lei sia l’unica, la più bella ed intelligente creatura che Dio abbia mai messo sulla Terra.

È un bel modo di valutarla e considerarla, ma per sedurla è sbagliassimo. Questo per molteplici ragioni che vedremo in seguito.

Per adesso ti basti sapere che lei non è così, sei stato tu a creare una creatura tanto perfetta e dolce, sei tu che l’hai innalzata sul piedistallo.

Ad esempio (si parla sempre di ragazze maggiorenni!) a lei piace il sesso molto più che a te, di sicuro! La cosa di cui non può fare a meno quando sta con un ragazzo seconde te qual è?

  • La dolcezza? NO
  • L’intimità? NO
  • La fiducia? NO
  • Il rispetto? NO
  • Il romanticismo? NO
  • Le coccole? NO
  • La comunicazione? NO
  • Gli interessi in comune? NO
  • Il SESSO?

E per essere attratta da te ha bisogno di sentire un infinito impulso sessuale, ma se tu sei in basso, e lei sul piedistallo, non sarai mai in grado di farglielo provare.

Un esercizio per non essere più zerbino

Per tirarla giù dal piedistallo ti propongo di fare un semplice esercizio:

  • Prendi foglio e penna.
  • Scrivi tutti i suoi difetti.

Se non ha difetti, o meno di 4-5, allora vuol dire che non la conosci abbastanza per giudicarla, oppure che hai una visione distorta di lei.

Giorno per giorno rileggili e aggiungi quelli che ti vengono in mente, devi essere molto critico nei suoi confronti, senza giustificarla.

In poco tempo ti renderai conto che è un essere umano come te, con lati positivi e negativi. Non è perfetta ne tanto meno non ne troverai altre così fantastiche dopo di lei.

Dio ci ha dato la sfortuna di dover combattere con le donne, ma allo stesso tempo ne ha fatte molte di loro che vale la pena conoscere e frequentare.

Cosa fare per non essere più uno zerbino

Tu sei uno zerbino. Anche se puoi pensare di non esserti comportato in modo remissivo la realtà è che lei ti vede così.

Magari starai pensando:

Non è vero, sono sempre stato gentile ma non mi sono fatto mettere i piedi in testa

Già dalla parola “gentile” viene fuori la tua zerbinaggine, o comunque la poca esperienza con le donne. Se sei gentile, per lei sei uno zerbino.

Non ci sono vie di mezzo, prendiamo questo come una sorta di teorema, infatti se tu fossi sicuro di te – con la giusta autostima – e solido mentalmente, la gentilezza, non verrebbe mai interpretata come debolezza, ma non credo questo sia il tuo caso, altrimenti lei sarebbe già tua.

Essere zerbino non è soltanto un farle favori, accompagnarla in giro o esserci sempre per lei. È qualcosa di molto più subdolo, è la volontà costante si volerla compiacere, di far si che lei non sia mai contrariata.

È dovuto alla tua infinita paura di perderla, che si possa arrabbiare e non volerti più vedere perché hai avuto il coraggio di tenerle testa!

Difendi le tue idee e la tua dignità

Ed è qui che sbagli, le donne trovano le sfide affascinanti e coinvolgenti, così come non lo sei tu in questo momento. Immagino che ad ogni litigata perché lei non ti dedicava le giuste attenzioni alla fine, tristemente, sei stato tu a scusarti, o a fare il primo passo per riappacificarvi.

Devi assolutamente smetterla di darle ragione, di accettare le sue scelte e i suoi capricci. Ma non litigandoci, ma agendo.

Come? Se lei una sera ti da buca 5 minuti prima di vedervi tu non ci litigare, dille che va bene e che sarà per la prossima volta. Per il resto continui il rapporto allo stesso identico modo, le devi dimostrare che lei non può scalfirti.

Dopo un po’, quando dovrete riandare al cinema, la chiami poco prima dicendole che hai avuto un imprevisto.

Se state discutendo, e lei dice una cosa totalmente inesatta, non la devi criticare ma neanche accettare quello che dice. Esponile garbatamente il tuo pensiero, come faresti con una bambina più piccola, con delicatezza e semplicità.

Non devi dimostrarti superiore a lei per non essere uno zerbino, ma le devi far capire che accetti le sue idee, sei in grado di valutarle e criticarle in maniera matura con empatia e rispetto.

Se ti parla dei suoi problemi personali, non stare lì a darle ragione come se il mondo ce l’avesse con lei. Ascoltala e capiscila, ma anche qui devi trovare la forza di dirle quello che pensi, solo così lei capirà quanto vali e quant’è la tua forza morale.

8 comments

  1. Ciao Sensei, oggi pomeriggio ho flirtato e baciato una donna fidanzata. Non siamo andati oltre, anche se sarebbe piaciuto ad entrambi. Ora, cosa mi consigli di fare: di inviarle domattina un messaggio carino o aspettare che si faccia viva lei?

  2. Ciao Sensei, nelle prime fasi di conoscenza con una donna; è meglio farsi vedere subito “sfrontato” e al tempo stesso rilassato, in modo da non passare per zerbino?

    1. Meglio essere se stessi, fare attenzione al linguaggio del corpo e capire chi hai di fronte. Se le ad esempio è una ragazza timida, troppa sfacciataggine potrebbe spaventarla. E poi tra sfacciataggine e non sembrare uno zerbino non c’è alcuna relazione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *