Vai al contenuto

Perché non piaccio alle ragazze?

Una delle domande che mi viene posta più di frequente è “Perché non piaccio alle ragazze?” o per quale dannata ragione non riesci a conquistare la ragazza che ti piace.

Molto probabilmente avrai provato a sedurne qualcuna ottenendo solo dei grandissimi fallimenti. Così la tua autostima è crollata fino al centro della Terra e credi che più passa il tempo, e gli insuccessi, e peggio sarà.

Così, forse, hai chiesto aiuto ad amici e amiche che, al contrario, hanno qualche relazione o successo con le ragazze. Purtroppo loro non sono la risposta che cerchi, immagino ti abbiano dato consigli come:

  • resta te stesso e l’amore arriverà,
  • il mare è pieno di pesci,
  • devi solo avere pazienza,
  • …e così a continuare.

Ti hanno proposto solo banalità da film romantico di serie B senza aiutarti davvero. Anzi, hanno fatto altri danni perché, da queste frasi, si capisce che in fondo non devi fare nulla e che non hai responsabilità.

Perché non piaccio alle ragazze? Di chi è la responsabilità?

Tua. O almeno nella stragrande maggioranza dei casi. Viviamo in un sistema sociale in cui l’apparenza conta moltissimo – che sia un bene o un male ci interessa poco discuterlo – ciò che ci interessa è capire che è così. Fine.

Non vuol dire che devi essere bello e con la tartaruga addominale e alto un metro e novanta, la bellezza è solo un biglietto da visita. Certo può capitare che se hai dei “difetti” avrai qualche piccola difficoltà in più.

Eppure i migliori seduttori che conosco non sono per nulla belli, anzi. Sono anche bruttini, magari con un po’ di pancetta o calvi o molto miopi!

Piangersi addosso non serve. Dirsi che si è brutti e sfigati non porta a nulla di costruttivo, se non ti piaci fisicamente non ti dirò solo di accettarti.

Migliora, fai sport, segui una dieta sana, cambia look e così inizierai a volerti bene e ad accettarti. Prendersi cura di sé stessi è una medicina che all’inizio potrebbe sembrarti amara, con il tempo cambierà sapore fino a piacerti.

Non sto dicendo di plastificarti e snaturarti, quello è un eccesso che non porta alcuna crescita dell’autostima. Non prendere a modello gli altri ma usali come punto di partenza, esempi per avere spunti.

Perché i consigli degli amici non vanno mai bene?

Di sicuro hai domandato agli amici una mano o anche solo un punto di vista per uscire dal gorgo nero dove sei finito. In fondo loro hanno qualche relazione, magari avventure o trombamicizie, ne sapranno, quindi?

No.

Avere una ragazza non significa averla sedotta con un metodo. La maggior parte delle persone – uomini e donne – non hanno alcuna consapevolezza su come conquistare qualcuno.

Si limitano ad agire a caso, a volte va bene altre male, inconsapevoli e fortunati perché riescono nel loro intento.

Non sono in grado di darti consigli mirati, ma solo banalità da discount che, visto che sei qui a leggere questo articolo, non funzionano.

Potrebbero anche dirti qualcosa di giusto tra le mille informazioni che ti danno senza però costruire un discorso logico e coerente.

Così facendo si creano tantissimi problemi, incomprensioni con la ragazza/o e sofferenza. Tu agirai secondo quanto ti hanno detto, con risultati incomprensibili (per te), che ti porterà a stare male e farti ancora e ancora la domanda: perché non piaccio alle ragazze?

Perché non piaccio alle ragazze non è la domanda giusta

Rispondere alla domanda “perché non piaccio alle ragazze” non ti porterà a nulla. Anche se tu lo capissi non avresti una soluzione. Quindi la domanda giusta da fare è:

Come posso piacere alle ragazze?

L’aspetto fisico conta, o meglio aiuta, ma non è sufficiente per piacere. Ciò che invece fa davvero la differenza è la tua alfaness (o energia maschile), si tratta di una forza profonda che non ha nulla a che vedere con la bellezza, ma con lo stare bene e essere felici.

Per farti capire, le persone tendono a non voler avere a che fare con chi soffre. Basti pensare ai mendicanti per strada, che si fa di tutto anche solo per non guardarli, è un meccanismo – a mio avviso – non naturale.

Esso è innescato dalla società egoistica e perfettina in cui viviamo, il “difetto” va eliminato o messo da parte perché ci ricorda che noi potremmo finire al loro posto.

Nei rapporti sociali le persone semplici, troppo leggere e un po’ superficiali, hanno tanti conoscenti e “amici” perché non sono impegnativi.

E in seduzione? Funziona, in termini un po’ differenti, allo stesso modo. Una donna vuole accanto una persona positiva, allegra e che la faccia stare bene. Non un ragazzino piagnucoloso che si lamenta di tutto, è sempre triste e con il muso lungo.

ATTENZIONE: non ci si deve trasformare in giullari di corte, in macchiette che fanno ridere e non sanno affrontare un argomento serio, ma in persone serene.

E la serenità non la trovi dietro l’angolo. I tuoi sforzi sono stati finora fallimentari perché andavi nella direzione sbagliata.

Perché non piaccio alle ragazze? In che direzione andare

Verso la strada che ti porterà ad essere un maschio alfa. In ognuno ce ne è uno, anche in te, solo che giace moribondo sotto una montagna di paure e regole che non sono tue.

Ti hanno fatto credere che per scopare devi essere bello, ricco, alto e superdotato e che per quelli come te ci sono l’autoerotismo e Youporn!

Il punto è che se ti focalizzi verso le ragazze/i ma non lavori sulla tua persona, i risultati saranno sempre gli stessi. Se sei molto timido, anziché buttarti e tentare di rimorchiare 100 ragazze a serata, lavora sulla timidezza e impara a gestirla.

E poi vai a parlare con quella che ti piace, che sia un’amica, conoscente, compagna di scuola o altro e vedrai che i risultati saranno migliori. Magari non la conquisterai da subito o mai, ciò che conta è aver trovato una via migliore.

Tu puoi controllare te stesso e migliorarlo, ma non puoi – come nessuno d’altronde – controllare gli altri, non hai i super-poteri…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *