Preliminari: il segreto per essere un Dio del sesso

preliminari dio del sesso

I preliminari non sono un semplice interludio tra una copula e la partita di Champions, ma un momento fondamentale in cui aprire la propria mente (ed i famosi ricettori del piacere) per godere di più.

Per quanto ad alcuni non possano piacere molto, sono davvero essenziali per far godere una donna. Spesso la differenza tra un buon amante e uno pessimo la fanno proprio quei minuti in cui, l’uomo, si focalizza sul dare e ricevere piacere senza pensare alla penetrazione.

All’inizio potrebbero non piacerti molto, perché in quegli istanti l’unico tuo fine è la penetrazione. E ci sta che sia così, sei di fronte a un impulso animale che è davvero forte.

Però vuoi essere un buon amante, e per diventarlo è opportuno che riprendi il giusto controllo, specialmente le prime volte, e non agisci facendo cose a caso!

Rallenta, e non avere fretta. Molti credono che ciò serva solo alla donna mentre per l’uomo sia solo un modo per ritardare la penetrazione: ERRORE.

I benefici che TU avrai sono di gran lunga superiori dello sforzo che farai per agire con più calma, godendoti tutti quegli attimi prima che sono, con il tempo te ne renderai conto, essi stessi parte dell’atto sessuale.

Le donne sono creature molto complesse, per loro i preliminari significano molto, perché in quei frangenti trovano una connessione emotiva più profonda che le “accende”.

E una donna molto eccitata è più disinibita, più libera e pronta a donarsi senza farsi troppe paranoie. A esclusione della “sveltina”, il sesso va visto più come una maratona che una gara di 100 metri.

E quindi è utile, per evitare di farsi male, e per migliorare le performance, riscaldarsi bene. Come? Con i preliminari!

Preliminari e tempo

Per la donna sono ancora più importanti perché il tempo che ci mette ad essere “pronta” per la penetrazione è solitamente di almeno 10-15 minuti. In più l’aspetto emotivo e psicologico permettono un incremento della sua eccitazione.

Il corpo umano, durante i preliminari, si prepara al sesso. Ritornando al discorso calcistico è come il riscaldamento pre-partita che diminuisce il rischio di infortuni e migliora le prestazioni.

I preliminari hanno anche molti altri effetti benefici:

  1. Diminuiscono la tensione muscolare, quindi anche di quello che vedremo in seguito detto muscolo pubococcigeo.
  2. Allentano l’ansia da prestazione, permettendo quindi un controllo maggiore della propria eiaculazione.
  3. Maggiore piacere nella penetrazione per l’incremento di sangue nelle zone “sessuali”(quindi più ossigeno e di conseguenza migliori sensazioni grazie ai ricettori del piacere), anche nella donna.
  4. Aumento del grado di eccitamento della donna che risulta quindi più disinibita e pronta al sesso.
  5. Durante i preliminari, specialmente la donna, può lasciarsi andare alle sue fantasie.

Come vedi i vantaggi sono incredibili e facili da ottenere.

I preliminari: un esempio concreto

Ad esempio se ancora non hai un grande controllo sulla tua eiaculazione, grazie ai giusti preliminari, e ad una penetrazione non molto duratura, potresti tranquillamente soddisfare la tua partner!

Troppo spesso gli uomini si focalizzano sulla durata del rapporto in base esclusivamente alla durata della penetrazione vera e propria.

preliminariPer le donne il sesso ha una valenza più globale, in cui le carezze, i massaggi, i baci non sono una inutile appendice, ma il sesso stesso.

Devi assolutamente impararlo e farlo tuo, perché la differenza tra un grande amante ed uno che “scopa bene”, non la fanno i minuti della copula o le dimensioni del pene, ma se le fai provare “totalmente”sensazioni che la stordiscono e coinvolgono.

Ovviamente per arrivare a questi risultati non bastano 40 minuti di preliminari, servono tante altre cose che più avanti andremo ad imparare.

Ma se riesci ad entrare già nello stato mentale giusto, sei già a metà! Non dare assolutamente retta a ragazze che parlano del sesso come fanno i ragazzi, per lo più sono represse che non hanno mai sperimentato un’esperienza sessuale che le abbia fatte sentire donne.

Durante i preliminari avviene il vero e proprio rilassamento, in cui si lasciano al di fuori del rapporto problemi, stress e fatica. I preliminari sono il momento dell’abbandono e della comunicazione più intima tra due persone attraverso i loro corpi.

Fabio Massimo: generale romano

Il temporeggiatore. Come vedi c’è una certa affinità tra come si seduce e come si fa l’amore. Anche in quest’ultimo caso la capacità di saper aspettare, la pazienza, è un’arma di una potenza incredibile.

Questo perché le donne amano il momento “prima” al pari dell’esperienza stessa, per loro l’attesa ha un valore infinito. Sono molto più fantasiose di quanto non siamo noi uomini.

Se “ti sbrighi” non permetti loro di fantasticare e godersi appieno la situazione (corteggiamento o sesso che sia). Di certo ci sono momenti in cui è bello saltare i preliminari, strappare le tende e rompere qualche mobile per un amplesso bestiale senza mezzi termini!

Quindi una volta che sei con lei in intimità non ti tuffare tra le sue cosce come un forsennato. Gira intorno all’obiettivo, senza la men che minima fretta. Più lei aspetterà, più si ecciterà, più sarà disinibita e ancora di più le piacerà fare sesso con te!

È semplice:

Attesa = Miglior sesso

Quando sei con una donna, quindi, qualsiasi cosa tu desideri da lei non andare diretto, ma fai si che il tuo corpo la chieda, ma senza fretta!

Quando stai a letto con lei, è li che ricomincia il corteggiamento, non devi pretendere qualcosa solo perché lei ha deciso di fare sesso! Nulla è dovuto. Se la tua forma mentis rimane la stessa allora a lei piacerà sempre e comunque.

Non avere fretta, ecco uno dei segreti

Come nella seduzione ci sono le stesse regole:

  1. Calma, la fretta è deleteria
  2. Non ti “zerbinare” ne’ elemosinare nulla
  3. Non te la prendere per un No!
  4. Ascolta il suo corpo più delle sue parole
  5. Non ti offendere per un rifiuto

L’impero dei sensi

Una cosa da fare assolutamente per risvegliare la sessualità di una donna e risvegliare tutti i suoi sensi. L’uomo è più focalizzato sulla vista e sul tatto, sensazioni che sono in grado di eccitarlo totalmente.

Per alcuni anche l’olfatto ha una valenza più o meno elevata, meno il gusto o l’udito.

Le donne, a riguardo, sono più complete. È possibile stimolarle ed eccitarle sfruttando tutti i sensi. Ovviamente ognuna ne preferirà uno rispetto ad un altro in generale, ma ciò dipenderà anche dal momento e dallo stato d’animo.

Ad esempio una ragazza particolarmente contenta, entusiasta e vitale potrebbe trovare super eccitante sentire la voce del proprio partner che le sussurra all’orecchio parole forti, in tono di comando.

Oppure in un momento più emotivo e romantico, la stessa ragazza, potrebbe trovare più eccitante un mistico silenzio e perdersi nel profumo del proprio compagno.

Quindi, come capire quale senso “sfruttare” maggiormente?

Prima di tutto ponendo una forte attenzione alla tua donna, che non vuol dire “scannerizzarla” in ogni momento ma avere la giusta “forma mentis”, il giusto atteggiamento propositivo nei suoi confronti.

In ogni caso devi solo provare, e vedere le sue reazioni. Prova una volta a farci sesso in totale ed assoluto silenzio, fallo in modo dolce e lento.

Un’altra volta invece parla molto (non di calcio è!), oppure metti un profumo particolare o una crema che abbia un buon sapore.

Vedrai che insieme troverete quello che in un determinato momento vi piace ed eccita entrambi.

Un connubio eccezionale è tra cibo e sesso, quindi potresti prepararle una cena afrodisiaca, o solo uno spuntino malizioso. Il mangiare non sarà un atto necessario per sopravvivere, ma sarà SESSO.

Un’altra cosa che veramente fa impazzire le donne sono i complimenti a letto.

Se durante una cena con gli amici le dici che è molto bella lei sarà contenta, ma nulla di più. Prova invece a sussurrarle le stesse parole in un orecchio mentre le sfiori il collo e le accarezzi il seno. La accenderai in un attimo senza aver fatto nulla di incredibile.

Troppi uomini a letto non parlano, non comunicano. Si fermano a poche parole smozzicate e qualche rantolio da gatto malandato.

Prova a dirle quello che ti piace di lei, cosa trovi eccitante, della voglia che hai di fare sesso con lei (anche se credo che a quel punto se ne sia già accorta, ma non fa niente, dillo ugualmente).

Con le tue parole le scatenerai mille fantasie mentre il suono della tua voce la farà sentire ammirata e desiderata.

Preliminari e zone erogene

Molti uomini sono incuriositi da quali zone “accendono” il desiderio femminile. Quali punti toccare per eccitarla, emozionarla e farle provare il massimo piacere, bastano dei preliminari ben fatti per farla infiammare!

Rispetto ad un uomo la donna è nettamente più “globale”, immaginare di sforare una sola parte del suo corpo per eccitarla è abbastanza riduttivo.

zone erogeneLa connessione tra fantasia, emotività e sessualità femminile è assai più complessa di quella maschile, quindi la zona più erogena di una donna, quando è dell’umore giusto, potrebbe non suscitare in lei alcuna reazione in altri momenti.

Diviene quindi fondamentale conoscere quali sono le parti del corpo femminile più ricettive alle attenzioni sessuali senza però dimenticare la complessità delle donne.

Negli anni sessuologi e non hanno provato a fare una graduatoria delle zone erogene più sensibili senza però mettersi d’accordo su quali siano le più importanti o meno.

Il tuo compito, quindi, sarà di scoprirlo volta in volta con la tua (nuova) compagna ed in base anche al momento. Di seguito una mappa, con lista annessa di alcune zone erogene che possiamo definire “standard”.

Infatti esse svariano da persona a persona ma diciamo che alcune sono insite nel nostro DNA, quindi con quelle si può andare abbastanza sul sicuro.

Ecco una lista di alcune delle zone erogene più importanti:

  • Interno Coscia,
  • Dietro le Ginocchia,
  • Sedere,
  • Cervicale
  • Le Orecchie,
  • Polsi,
  • I Capelli,
  • Seno,
  • Bocca,
  • Monte di Venere,
  • Vagina.

Vediamole per dei buoni preliminari

  • Interno coscia: è una zona molto sensibile da accarezzare e baciare, ci sono molte terminazioni nervosi quindi le sensazioni sono assai forti. Sconsigliato mordere, potrebbe fare molto male e spegnere il desiderio della donna.
  • Dietro le ginocchia: molti nervi finiscono proprio dietro le ginocchia, sarà sorprendente vederla impazzire di goduria mentre gentilmente la sfiori o lecchi. Evitare di dilungarsi troppo a lungo nella zona, proprio perché così sensibile potrebbe diventare un’esperienza fastidiosa.
  • Sedere: anche qui le terminazioni nervose sono moltissime, ad alcune donne può piacere qualche piccola sculacciata o carezze un po’ più vigorose.
  • Cervicale: lo so suona molto da chiropratico! Anche se ti basta semplicemente un soffio in quella zona per farla impazzire. Immagina la sua reazione se dovessi usare la tua lingua, o magari leggermente morderla. Zona molto sensuale.
  • Le orecchie: molte amano che le mordi, lecchi, sfiori. Ma più di tutto adorano che le sussurri le giuste parole.
  • I piedi: sono una delle zone in cui si scaricano la maggior parte delle tensioni della vita quotidiana. Ricche di terminazioni nervosi e di significati sessuali e feticisti. Si possono baciare, succhiare, accarezzare o anche dedicare un massaggio di parecchi minuti con un olio profumato.

Preliminari o caccia al tesoro?

Ma non sono finite, ricorda che non devi per forza passarle tutte in rassegna. A volte ne basta una come altre è necessario andare a scoprire cosa vuole lei in quel momento.

Potrebbe essere lei a dirti chiaramente cosa desidera, oppure fartelo capire con il linguaggio del corpo, sta alla tua empatia e volontà di darle piacere capire e agire di conseguenza.

  • Polsi: lo so, non ci avresti mai creduto! Sono una delle zone più sensibili ed evocative della sessualità, prova la prossima volta a sfiorarle i polsi delicatamente, a morderli e baciarli, vedrai la sua reazione, garantito!
  • I capelli: accarezzali, massaggia delicatamente la testa fino all’attaccatura dei capelli, li ci sono tantissime terminazioni nervose e vi si scarica molto stress. Oltre a questo massaggiarle la testa le aumenta il flusso sanguineo e la produzione di ormoni del piacere come la dopamina e serotonina.
  • Seno: l’unico accorgimento è di capire il come lei vuole essere toccata, sfiorata, baciata, leccata, alcune donne amano una certa foga, altre la delicatezza.
  • Bocca: probabilmente è la zona in assoluto più erogena delle donne. Quindi quello che devi fare è baciarla più che puoi, morderle le labbra, succhiarle, giocare con lei. Le donne non vanno baciate fuori dal letto, solo come segnale di affetto o interesse. Se la baci con passione anche quando fai sesso la ecciterai molto di più di quanto tu non creda. Dedica molto tempo al bacio, la farai impazzire!
  • Il monte di Venere: che non è una famosa località sciistica piemontese! La zona sopra la vagina, dove stanno i peli pubici è una parte molto sensibile e delicata. La vicinanza con le migliaia di terminazioni nervose della vagina la rende un punto particolarmente erogeno. In più l’avvicinarsi al “bersaglio”, senza però andare a colpirlo risulta molto eccitante.
  • Vagina: ovviamente è anche una zona erogena, nei paragrafi seguenti vedremo come darle piacere con carezze e baci proprio lì. Il cunnilungus è uno dei modi che hai per darle piacere.

I preliminari sono una parte essenziale nella sessualità femminile. Mi sembra inutile stare a spiegarne le possibili ragioni psicologiche o scientifiche, ciò che conta per te è che a loro piacciono. 

Ma non solo: i preliminari diventano essenziali per eccitarsi, per essere più disinibite e godere al meglio del sesso che state per fare (usando sempre il preservativo, ovvio).

Non siate MAI egoisti a letto, imparate la meravigliosa esperienza di darle piacere e vederla contorcersi e chiedere ancora e ancora e ancora…

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *