Ti ha rifiutato, come risolvere la situazione?

Mettiamo che una ragazza ti ha rifiutato, come risolvere una situazione che ti mette in difficoltà?

Tutti prendiamo due di picche, chi ti dice il contrario è un “cazzaro” di primissima categoria, non vale la pena ascoltarne i deliri. Potresti fare come il 99% dei PUA che si lanciano su tutte le ragazze che trovano.

Oppure potresti accettare il fatto di non piacere a qualcuno. Anche se, il più delle vote, oltre a un elemento chimico-istintivo sul quale non si ha controllo, ti rifiutano per altre ragioni.

Incoerenza tra azioni e parole

Vedo moltissimi approcci fallire a causa della mancanza di coerenza tra linguaggio corporeo e ciò che si dice. Mi spiego meglio: molti parlano con le ragazze come fossero amici, ma poi il loro corpo urla altro: ti voglio!

Questo non è compreso in maniera del tutto razionale dalla ragazza, è il suo sesto senso che la mette in allarme e fa sì che non sia attratta da te, qualcosa le stona.

Il problema lo si risolve facilmente: decidi cosa vuoi da lei, e comportati, parla e interagisci per ottenere quello! Non dico che devi subito dirle che vuoi portarla a letto, ma neanche discutere del tempo o dei gattini.

Se la tua mente è focalizzata sulla seduzione, e lo sono anche le tue azioni, esse saranno coerenti con il linguaggio del corpo aumentando le tue possibilità.

Il giudizio sociale, su di lei però!

L’essere umano ama giudicare gli altri, forse per paura di vedere l’oscurità che alberga in lui. Risulta molto più facile analizzare i comportamenti altrui, piuttosto che i propri.

Lei potrebbe averti rifiutato non perché non le interessi, ma perché nel vostro ambito verrebbe giudicata con troppa facilità. Ci sono dei momenti, che puoi capire leggendo il linguaggio corporeo, in cui lei vorrebbe essere scopata fino a strappare le tende.

Eppure si comporta come una brava ragazza cattolica dedita solo a casa, chiesa e famiglia.

Metodo 1: ti ha rifiutato, come risolvere? Sii sfacciato

Io amo le persone sfacciate, è un modo di essere che trovo divertente e molto più profondo del finto perbenismo in cui ci crogioliamo. Essere sfacciato, non sempre ma nel momento opportuno, ti rende quasi immune alle critiche.

Non voglio mancare di rispetto a nessuno, ma è un po’ come alcuni gay che esasperano la loro parte femminile, rendendola spesso grottesca, così da diventare caricatura di loro stessi e quindi ingiudicabili.

Davanti a tutti i vostri amici/conoscenti/colleghi, anziché avere paura, dopo un rifiuto, di mostrati in pubblico vai a testa alta in mezzo a loro e da lei! Guarda che provarci con una donna, con il rischio di un rifiuto, è un atto da alfa, non da beta.

Dovresti essere fiero dei tuoi insuccessi come dei successi, e davanti a tutti dille che è sexy/bella/sensuale o quello che realmente pensi, fregatene del giudizio altrui che cadrà su di te.

E quindi lei si sentirà più libera, meno sotto i riflettori.

Metodo 2: ti ha rifiutato, come risolvere? Flirtare

In un articolo ho definito flirtare come il ninja delle seduzione, e in questo caso, dopo un rifiuto che ti mette in imbarazzo, secondo me è uno strumento utile.

Prima di tutto, ti ripeto, sii fiero del due di picche e fregatetene di tutto e tutti. Lei non ti prenderà di certo in giro e se dovesse fare qualche battuta hai sempre a tua disposizione:

Ma tu ora non devi aggredire, ma muoverti tra le ombre e con un gioco seduttivo flirtare con lei, irretirla senza che lei (e gli altri) se ne rendano conto.

Fallo diventare il “vostro” gioco, qualcosa che nessuno sa: un segreto intrigante. 

In un caso, o nell’altro, dimostri di essere un vero uomo. Un maschio alfa che non ha paura di prendere un rifiuto perché ne farà tesoro anziché andare a nascondersi.

Ti ha rifiutato, come risolvere? Hai a disposizione due metodi:

  1. Sfacciataggine.
  2. Flirt.

Due estremi tanto facili da usare quanto efficaci. Poi c’è sempre la possibilità di mettere in atto un Reset, ma lo sconsiglio subito dopo un rifiuto. A meno che lei non si sia comportata davvero male.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *