Zona amicizia: il luogo più buio e oscuro dove perdersi

zona amicizia 

Finire in zona amicizia è normale, lo dico da subito per evitare che tu pensi di essere uno sfigato, o peggio. Certo la bassa autostima può incidere in questo, però possiamo lavorarci su tutti per non venir più “friendzonato”.

Se poi dovesse accadere non sarà per la tua passività, ma solo perché potresti non piacerle (e non ci sarebbe nulla di male). 

Anzitutto va fatta una distinzione importante tra:

  1. zona amicizia,
  2. essere amici e
  3. uscire in amicizia

Perché queste 3 situazioni sono molto diverse tra di loro, anche se potrebbe sembrare il contrario. La zona amicizia, che poi vedremo bene nel proseguo dell’articolo, è un luogo oscuro e orribile dove ti ci sei infilato da solo, anche se desideravi altro.

Tu vuoi conquistarla, ma per una serie di ragioni che vanno dalla paura alla bassa autostima, hai preferito non rischiare, non essere sfacciato, per accontentarti di un limbo noioso e triste come la friend zone.

Ma io voglio conquistarla!

Molti risponderanno così a me, però nel profondo hanno paura. Il rischio di un rifiuto è dietro l’angolo e in più, se ti fissi su una sola e unica ragazza, non guarderai le altre.

Ciò comporta un modo per fuggire dalla realtà: tu ami lei, le altre non esistono e quindi non devi metterti in gioco, conoscere ragazze o sedurne altre. Lei è la scusa che utilizzi per non rischiare mai.

Essere amici e uscire in amicizia

Sei amico di una ragazza quando scegli di esserlo, oppure vi conoscete da così tanto tempo che neanche ti ricordi il vostro primo incontro. In ogni caso tu, quando l’hai conosciuta, non volevi nulla da lei.

Siete amici, vi piace la compagnia reciproca e parlate di tutto (o quasi), uscite insieme senza che nessuno dei due desideri altro che non la compagnia reciproca.

Gli uomini che non hanno amiche, sono persone con molti problemi nei confronti del mondo femminile. Avere amiche significa amare l’universo femminile senza desiderare nulla, senza per forza mettere il sesso di mezzo. 

Sono persone che possono darti tantissimo emotivamente e aiutarti a capire qualcosina dell’universo femminile (che è troppo incasinato per essere compreso del tutto anche da loro). Ti offrono una visione differente, non maschile, sugli accadimenti, sul loro modo di agire e pensare.

Uscire in amicizia non significa essere relegati in zona amicizia

Poi c’è il punto 3.: uscire in amicizia. Spesso, nelle consulenze di seduzione, mi dicono che hanno rifiutato di uscire con la ragazza che gli interessava, perché questa ha avuto l’ardire di dire che era una “uscita in amicizia”.

Anni fa, un po’ a dire il vero, con meno esperienza e più timori, a volte anche io ho reagito male a questa affermazione, come se ci fosse qualcosa di brutto. Poi, con il tempo e l’esperienza (e l’aiuto di amiche), ho accettato anche uscite in amicizia.

Non mi aspettavo nulla da quegli appuntamenti emi godevo il tempo trascorso con una ragazza che mi piaceva. Ovviamente la seducevo, o almeno ci provavo, mettendo in campo tutte le armi a disposizione (che trovi qui sul sito o negli ebook).

Se le prime volte i risultati non erano eccezionali, con il tempo le cose sono cambiate e ho iniziato a essere più rilassato godendomi quanto mi veniva offerto. E se non metti pressione a una ragazza, senza esagerare o comportandoti da morto di figa, e la seduci, qualcosa accade.

Se una ragazza accetta un appuntamento con te, ma ti dice “usciamo in amicizia”, accetta la proposta e usa il Metodo Socratico. Perché non ti sta dicendo che ti vede SOLO come un amico, ma che per adesso le basi sono quelle, però ti offre una possibilità di conquistarla.

Che sia piccola o grande, dipende dal caso specifico, preferisci una possibilità minuscola o nulla?

La zona amicizia, un luogo dove è meglio non finire…

In zona amicizia, almeno una volta nella vita, ci siamo finiti tutti quanti. Specialmente quando non si ha molta esperienza in seduzione (o si è giovani), ci si finisce senza neanche rendersene conto.

So che è una situazione difficile perché si ha paura di perdere la persona dei propri sogni, ma puoi perdere qualcuno che non sta con te? Ovviamente la risposta è negativa. 

Comprendo che altri potrebbero tenere molto all’amicizia e hanno il terrore che si possa distruggere e vedendo anche le poche speranze di  conquista andare in fumo.

Entrambi i casi sono concettualmente validi, ma profondamente errati. Vivere accettando un’amicizia quando si vuole di più è sbagliato, si soffre senza ragione e ci si fa soggiogare dalla paura. Questa bastarda è la vera colpevole e tu devi imparare ad affrontarla.

Molti, ragazzi e ragazze, sprecano anni a guardare da lontano un’amico/a facendo passare il tempo e giocandosi invece occasioni e possibilità di conoscere altri, magari di innamorarsi.

Molti usano come strumento per imparare la seduzione, i film. Vedono che il giovane un po’ sfigato di turno innamorarsi della bella biondina, e che ci diventa amico nel vano tentativo di conquistarla. 

Poi, dopo tante situazioni, lei finalmente capisce che lui è il ragazzo per lei: in pratica si accorge che esiste e che vuole starci insieme.

Tutto ciò, nella vita reale, non capita quasi mai. Nella maggior parte dei casi lei lo sfrutta solo per comodo oppure lo vede davvero solo come un amico. E se lui non fa nulla per cambiare la percezione che la ragazza ha di lui, le cose non potranno mai cambiare.

Credo che peggiore della zona amicizia ci sia solo qualche carcere di massima sicurezza nella sperduta Siberia! Battute a parte so come ci si sente a stare lì, in attesa che qualcosa di bello accada.

La zona amicizia è davvero il luogo delle ombre, tetro e spaventoso ma la cosa peggiore, il VERO motivo per cui fa così paura, è uno: ci sei andato a finire te.

Perché sarei finito da solo nella zona amicizia?

Le ragioni sono tante, più di quante tu possa immaginare. Diciamo che tutte, o quasi, sono riconducibili alla paura. Di cosa? Servirebbero tante sedute psicanalitiche per capirlo, ma in fondo ora non ci interessa.

La paura ti fa nascondere nella zona amicizia 

Spero che questo concetto sia chiaro, tu non sei finito in zona amicizia per sfiga, o per caso, ma ti sei infilato tu perché avevi paura:

  • di fallire,
  • di prendere un colossale due di picche,
  • oppure di rovinare un rapporto a cui tieni,
  • del rifiuto,
  • dei giudizi degli altri,
  • di non essere all’altezza per lei,

Senza pensarci troppo te ne ho elencate una mezza dozzina di paure. Tutte riconducibili – in primis – alla tua poca autostima.

Chi è sicuro di sé ha amiche se desidera che siano tali, se vuole una donna o se la prende o la allontana. Quest’ultima affermazione andrebbe spiegata: non è che scappa da lei per paura, ha fatto di tutto per conquistarla senza però riuscirci.

A quel punto sarebbe da ipocriti stare accanto da qualcuno da cui si desidera una relazione intima, giocando a fare gli amichetti. Non è un modo sano di vivere i rapporti, il maschio alfa lo sa e si comporta di conseguenza.

Non c’è nulla di male

Ci sta rifugiarsi nella zona amicizia, a volte ci si finisce quasi senza rendersene conto. Si conosce una ragazza, ci si diventa amici e poi nasce altro e tu ti ritrovi impantanato.

Le sabbie mobili, ecco cos’è. Se stai fermo affondi lentamente, ma affondi. Vivrai un po’ di più con la speranza che accada qualcosa (che non accade mai).

Oppure ti agiti a casaccio, muovi gambe e braccia in cerca di un appiglio provocando solo una caduta più rapida nel gorgo della solitudine e sofferenza. Fin quando affoghi.

Noi dobbiamo evitare che ciò accada. Per uscire dalle sabbie mobili serve tanto sangue freddo, e tu adesso non ne hai, sei agitato e pronto a fare qualsiasi cosa per lei. Sei arrivato a idealizzarla, anche quando magari non lo merita.

Sappiamo perché ci sei finito, e cosa non fare

Devi stare calmo basta:

  • pensare a lei,
  • fantasticare piani per conquistarla,
  • farle ogni tipo di favore,
  • continuare a fare l’amicone/giullare.

Purtroppo sto per dirti due verità che non vuoi sentirti dire:

  1. tu non le piaci (almeno non come ragazzo),
  2. se la vuoi dovrai farla soffrire.

Se ti ficchi bene in testa questi due passaggi, oltre alla lucidità mentale per agire con un minimo di razionalità in più, allora forse potrai uscire dalla zona amicizia.

Non ho detto “fuggire”, non è una prigione con reti elettrificate e guardie armate. Non è altro che una stanzetta vuota dove TU ti sei rifugiato perché fuori c’è il mondo: lei, con il rischio di farti male anche tu.

Le due possibili scelte: zona amicizia o niente!

Forse la mia è una frase un po’ forte, ma spero che dia il senso giusto, che non hai molte scelte:

  1. Resti in zona amicizia, magari finché non hai un esaurimento, cadi in depressione o per miracolo perdi interesse per lei.
  2. Ne esci, con o senza di lei. Ma ne esci.

Se hai deciso per il punto 1. smetti di leggere da subito, non ti servirebbe a nulla quanto sto per spiegarti. Se al contrario hai scelto il punto 2. allora ti mostrerò una strategia che aumenterà le tue possibilità.

NOTA BENE: io non sono uno di quei dannati guru della seduzione che danno garanzie, perché in seduzione non ce ne sono. Quindi puoi solo aumentare le tue chance, la certezza non c’è.

Come uscirne: preparati al dolore

Il metodo migliore in assoluto per provare a scuotere una ragazza che ci ha relegati in zona amicizia è, senza ombra di dubbio, il Reset.

Ma non lo devi applicare da subito. Prima vorrei che ti studiassi e mettessi in pratica con la tua ragazza obiettivo le varie “tecniche di seduzione” che ti sto per elencare:

  1. Contatto fisico (la più potente in assoluto).
  2. Linguaggio del corpo.
  3. Flirtare e fare complimenti (leggi bene quando farli).
  4. I messaggi da mandare.

Sono poche cose , come vedi, anche se ognuna è ricca di sfaccettature ed elementi che si legano alle altre: questa è la seduzione attiva. Quando decidi di sedurre, con il tempo diverrà naturale, accadrà senza che te ne accorga.

Come vedi non conoscevi quelle 4 tecniche, o almeno non tutte, ma le hai mai davvero applicate con lei? Se sei in zona amicizia è assai probabile, direi certo, che non ne hai mai usata neanche mezza.

Magari avresti voluto, hai fatto qualche minuscolo passo che ti è sembrato gigante che però, ai suoi occhi, credo sia sembrato più un atto d’amicizia. Tu sei il suo amicone, il suo orsetto del cuore.

Dolore: la dimentichi

Molti, se non tutti, quando dico loro di lasciarla andare se ne escono con risposte preconfezionate da film action anni ’90:

Io non sono uno che si arrende.

Stronzata! Tu non ti arrendi, almeno in questo caso con lei, perché in guerra non ci sei andato. Siete in pace, anzi, diciamo che lei ti ha conquistato e fa di te quello che vuole e tu non ti opponi minimamente!

Spero sia chiaro, anche se la vedi in modo diverso, tu sei la Francia occupata da Nazisti (senza neanche qualche partigiano a combattere). Diciamo che sei più simile al Belgio…

Il più grande atto di forza è invece proprio il lasciarla andare, quando comprendi che non sei l’uomo adatto a lei. Che la tua amicizia è falsa, perché tu vuoi altro. La verità è da alfa, le balle che ti racconti per sperare che ti noti, da beta.

Ecco la sofferenza che arriva: quando te ne vai, chiudi i rapporti e da vero uomo la dimentichi senza se e senza ma! In 10 anni in cui insegno la seduzione, credo di non aver mai incontrato nessuno capace di tanto.

Se lo fai, se la lasci andare, soffri. Ma cresci e migliori molto, avere il coraggio di capire quando una battaglia è persa (o come nel tuo caso non è mai stata combattuta), quella è la vera sconfitta.

Zona amicizia: la strategia per uscirne

Ricorda sempre che non possiamo avere certezza, di nessun genere, in seduzione.

Però possiamo fare molto, prima di tutto, una volta che ti sei reso conto di essere in Friend Zone, capire perché ci sei finito.

Nella maggior parte dei casi capita perché non l’hai sedotta, tutto qui. 

Ma io l’ho sedotta!

No, è la tua percezione a essere distorta perché sedurre con tutte le forze una persona le provoca emozioni, dubbi e sconquassi di varia natura.

Se lei con te non ne ha mai avuti, significa che la tua seduzione è stata del tutto inefficace. Non è grave, ma è un punto di partenza. Come detto dovrai applicare con lei tutte le 4 armi di cui ti ho parlato prima.

Non è facile impararle a dovere, però adesso non ci interessa sapere il tuo livello. Solo capire se avranno risultati su di lei. 

Per esperienza, se sei finito in zona amicizia, significa che le tue armi sono un po’ spuntate, inutili a dire il vero. Magari rimettendole in pratica la obblighi a vederti sotto una nuova luce: non che inizi una sorta di interesse, ma da qualche parte dobbiamo iniziare.

E ora il dolore!

Ti ricordi che ti ho detto che non sei in trappola, ma solo che ti sei chiuso da solo in una stanzetta? Bene. Fuori ci sono delle guardie, che in realtà non sono altro che stagisti e infermiere che stanno lì, senza alcun mitra o pistola.

Nella tua mente ottenebrata – perché lo sei anche se non lo ammetti – loro sono delle guardie armate di tutto punto e tu l’eroico pilota americano abbattuto in territorio ostile.

Potresti uscire dalla porta principale, con calma e salutandole con un sorriso. Ma lo so che ancora non ti ho convinto, così proviamo una diversa strategia di fuga: il reset!

Nel buio della notte, muovendoti tra le ombre come un ladro di 20° livello fuggi assassinando le guardie. Le guardie – o meglio stagisti e infermiere – non sono altro che alcune parti della ragazza che ti piace.

E sono il riflesso di come lei ti vede. Il punto è qui: l’immagine corporea che che lei ha di te. Essa non va bene, è deformata dai tuoi comportamenti pietosi, sempre pronto ad assecondarla.

Uscire dalla zona amicizia è doloroso

Ti ho appena prospettato una strategia militare/seduttiva semplice ma molto dolorosa: il reset. Perché tu le farai del male scomparendo, le povere infermiere non capiranno perché una persona malata di raffreddore sia fuggita ferendo e aggredendo tutti.

Verranno sgridate, nasceranno sensi di colpa, dubbi, paure e infine la rabbia. Tutto ciò avverrà in lei inconsciamente. Lei non ti ha relegato in zona amicizia, ci sei andato tu da solo.

Può darsi anche che lei lo sapesse, ma per quale motivo lei avrebbe dovuto cambiare una condizione in cui aveva sia altri ragazzi/o, libertà e un amico del cuore con cui confidarsi?

Leggi, e sono serio, TUTTI ma proprio tutti gli articoli nella categoria del Reset. Significa che per un bel po’ di tempo scomparirai dai suoi radar, come vedi non ho detto che non la vedrai, la cosa deve essere molto più intensa e aggressiva.

Scomparirai da tutto, anche i suoi/vostri amici dovranno quasi dimenticarsi di te. Non spiegare o dire nulla a nessuno. Dovrai diventare la famosa Ombra di cui parlavo prima. Scompari:

  • dai social (Instagram, Facebook ecc),
  • aperitivi,
  • feste,
  • eventi,
  • mostre
  • e tutte quelle situazioni in cui potresti incontrare lei o suoi amici.

Per quanto? Di pende, ma almeno 5-6 settimane di silenzio assordante.

Cosa accade durante e dopo il Reset?

Durante il Reset tu non resti a casa a non fare nulla, ti metti in gioco! Vai per locali o altri ambienti a conoscere ragazze e metti in pratica le famose 4 armi di seduzione.

Finché non hai imparato a usarle è inutile che torni da lei. Ma non finisce qui: dovrai cambiare il tuo look. Non mi interessa se ti piace il tuo, o già va bene, devi cambiarlo (poi ti spiegherò il perché).

E infine ti renderai conto, con il passare delle settimane, che il potere che lei aveva su di te diminuirà. Non dico che se eri innamorato, il sentimento morirà. Ma che inizierai a vederla con più lucidità, con pregi e difetti.

A questo punto è giunto il momento di rivederla. Consiglio sempre un incontro che sembri casuale, ma che poi non lo è. Magari una festa, un aperitivo o situazioni in cui sai che ci sono comunque altre persone.

Torniamo al look: quando lei ti rivedrà per la prima volta dopo settimane sarà furibonda. Ma non saprà il perché, l’avrai mandata in tilt e tra la rabbia verso di te, e una dolce simpatia, per sedurre è meglio la prima!

La saluti, ci scambi due chiacchiere come se nulla fosse. Lei farà l’arrabbiata e tu userai il Metodo Socratico. E poi rimarrà incuriosita, vorrà sapere cos’hai fatto o perché ti sei allontanato. 

Tu le racconterai che hai cambiato palestra, lavorato molto, fatto un corso di danza e uno di cucina ecc ecc. Insomma le mostrerai tutti i miglioramenti di questo lungo periodo che hai dedicato a te stesso.

E non le parlerai del perché sei scomparso. Un po’ di mistero. E poi con un sorriso le chiedi di scusarti un attimo e vai a parlare con un’altra persona (meglio se bella ragazza).

Caldo/Freddo e contatto fisico

A questo punto devi iniziare il caldo/freddo, mi raccomando finisci e riprendi sempre tu le interazioni con lei. 

E durante il caldo devi seguire l’escalation del contatto fisico per portarla in una nuova dimensione: le stai cambiando la percezione che aveva di te. Usa le armi, flirta con lei qualche attimo. Oppure falle un complimento su quanto è sensuale e poi vai al bar a prenderti da bere.

A fine serata l’avrai tramortita, agisci così indipendentemente dalle sue reazioni (questa è una cosa molto difficile da fare, ma tu sei pronto).

Il metodo appena esposto ha fatto soffrire entrambi. Te di sicuro, lo so quanto è difficile stare lontano da chi ami, soprattutto se hai paura che finisca tra le braccia di qualche bastardo arrogante. 

Se lei non ha sofferto, non gliene fregava nulla di te: ti sfruttava.

Se invece è stata male, avrai mandato all’aria una forma di rapporto che non ti dava nulla e ora hai la possibilità di rigiocarti le tue possibilità: non sei più in zona amicizia.

La zona amicizia può essere una opportunità

Per quanto sia difficile da accettare, specialmente se proprio adesso sei in zona amicizia, sei di fronte a una situazione che puoi rigirare a tuo vantaggio.

Esistono donne stronze che giocano con i meno esperti, o uomini bastardi che fanno la stessa cosa con persone che non sanno bene come comportarsi in seduzione.

Se ci sei finito, non tutto è perduto. Prima di ogni cosa puoi vedere chi hai di fronte davvero, se una persona sfrutta i sentimenti che provi per lei a suo beneficio, non è un granché come essere umano.

Di solito le donne ti usano come autista, spalla su cui piangere o simili. Gli uomini per riempire il loro ego smisurato (ma vuoto), come trombamicizia. Che tu sia in zona amicizia per un uomo o una donna, oltre a quanto detto fin qui, hai un’altra possibilità (di solito l’ultima): fuggire.

E non ti dimenticare che potrebbe sempre presentarti suoi amiche/amici che potrai sedurre!

Potrebbero interessarti anche...

27 risposte

  1. Gianluca Sacino ha detto:

    Sensei la consulenza mi sta bene. Ma con questa ragazza non esagero non la calcolo e basta e continuo a lavorare su di me. Oltre a dedicarmi alla conoscenza di altre donne, ma non con Lei…. forse mi sfugge qualcosa….. sicuramente sul linguaggio del corpo ho da lavorare….non ci sono dubbi….

  2. Gianluca Sacino ha detto:

    Ciao Sensei, condivido un mio semplice pensiero. Continuo con il famoso percorso e con il lavorare sui miei punti deboli, tra cui con il ignorare quella ragazza fidanzata di cui ti parlai. Tuttavia questa ragazza continua a chiedermi cosa non va in me se sono arrabbiato per qualche motivo e addirittura che se ho qualche pena d’amore e che potrei anche confessarlo a lei e che secondo lei il mio comportamento è modificato. Personalmente chi se nè frega….tuttavia se siamo arrivato a questo punto presumo che sia un discorso da fare a un amico non ad un uomo….magari devo semplicemente lavorare sul mio modo di pormi e che semplicemente ho tanta strada da fare….ed il lavoro deve solo continuare…. un giorno sono sicuro che la mia pianta della seduzione crescerà rigogliosa, ma di certo non oggi….

    • ilSensei ha detto:

      In questi casi, vista la tua scarsa capacità di interazione via messaggi, ti consiglio una consulenza di seduzione. Hai troppi dubbie e domande per una cosa tanto banale quanto dei messaggi a una persona. Leggi anche qui.

  3. Danilo ha detto:

    Ciao sensei
    Ho acquistato gli ebook “Il percorso della seduzione” e “Conquista la ragazza che ti piace”
    Però,soprattutto per il primo (premetto che li riprenderò)ho notato che si contestualizza il tutto in una situazione in cui si conosce una nuova ragazza
    Allora cosa cambia,e come comportarsi e sedurre un’amica che ti ha già rifiutato una volta?

    • ilSensei ha detto:

      Il Percorso serve per imparare a sedurre, migliorare e crescere. Per conquistare una che già si conosce c’è Conquista la ragazza che ti piace, in cui spiego le tecniche per sedurre una ragazza con cui si ha un rapporto.

  4. Roberto ha detto:

    Ciao sensei
    Ti volevo chiedere come giudichi effettivamente il partire dal sedurre un’amica diventata tale dopo averci provato ma non averla sedotta solo perché non si conoscevano le tecniche
    Oggettivamente la considero una situazione di svantaggio rispetto a prima,perché lei ha già il preconcetto,ma l’esito non è scontato
    Tu cosa ne pensi ?

    • ilSensei ha detto:

      Sei in una situazione simili o sono solo inutili congetture?

    • Roberto ha detto:

      No la situazione è proprio questa
      Ci provo ma leggendo i tuoi articoli mi sono reso conto che nonsapevo nessuna delle tecniche seduttive
      Infatti ora come ora lei non prova nulla,solo amicizia
      Volevo sapere un tuo parere oggettivo sulla situazione
      Come ho già detto parto in svantaggio perché sono praticamente in zona amicizia,ma non è detto che ci debba rimanere

    • ilSensei ha detto:

      Non è una situazione irreparabile, ma devi metterti in gioco seriamente e modificare la sua percezione che ha di te. Non provare a imparare la seduzione, e relative tecniche, con lei. Invece prenditi del tempo e applicale con persone che non ti interessano molto, ci si deve mettere in gioco. Per uscire dalla zona amicizia hai 2 armi potente (che dovresti usare insieme): il reset e l’ebook Conquista la ragazza che ti piace.

    • Roberto ha detto:

      Tu mi consigli prima di provare a sedurla oppure di applicare giá da subito il reset ?

    • ilSensei ha detto:

      Scusa, ma cosa non capisci di questa frase: “Invece prenditi del tempo e applicale con persone che non ti interessano molto, ci si deve mettere in gioco”?

  5. Antonio ha detto:

    Ciao sensei
    Tu dici che prima di attuare il reset con un’amica bisogna provare a flirtarci,fare contatto fisico e altro
    Ma se uno non è molto esperto e pratico con queste tecniche cosa fa ?
    Non andrebbe bene in questo caso fare il reset e nel frattempo migliorarle ?

    • ilSensei ha detto:

      Il reset funziona se prima l’hai un minimo sedotta, mi sembra un concetto chiaro. Se non sai sedurre – cosa di cui non ci si deve vergognare, resta amico della ragazza e impara la seduzione in altri ambiti. Una volta che ti sentirai sicuro di te potrai provare a sedurla normalmente (senza reset, visto che tu in pratica non hai mai provato a conquistarla davvero). Se poi dovesse andar male, allora potrai fare il reset. Viste le tue insicurezze e lacune, a mio avviso dovresti leggere come prima cosa Il Percorso della Seduzione (il manuale di base – 450 pagine – in cui imparerai come si corteggia una donna dalla A alla Z).

    • Antonio ha detto:

      In verità io avevo provato un approccio,ma mi sono accorto che stavo facendo tutto tranne che sedurla (niente contatto fisico,niente flirt,nulla di nulla)
      Alla fine,dopo varie vicissitudini,sono stato un po costretto a dichiararmi e abbiamo deciso che saremmo rimasti amici
      Per questo sto dicendo se fosse giusto o meno il reset,perché leggendo gli altri tuoi ebook tu hai detto che adottare quelle tecniche senza sapere come farlo avrebbe portato dei casini
      Io mi sono accorto che non ho mai attuato seduzione con lei,e volevo capire se fosse giusto fermarsi e lasciare che la mia vecchia immagine sparisse oppure rimanere amici e nel frattempo allenarmi

    • ilSensei ha detto:

      Restate amici e intanto impara la seduzione.

    • Antonio ha detto:

      Uno dei miei problemi è che ho paura di aver fatto delle cavolate e di averla persa per sempre,quindi parto comunque un po prevenuto,credendo che possa andare comunque male
      Sai come risolvere questo limite mentale ?

    • ilSensei ha detto:

      Lavorando su te stesso, mettendoti in gioco. Sviluppando la tua alfaness, è lei la soluzione per toglierti di dosso mille paure, ma è un metodo e ci vogliono mesi (a volte ne basta anche uno solo), già per vedere i primi risultati.

  6. Cesco ha detto:

    Buonasera Sensei,
    ho conosciuto una ragazza in Università con cui ho sentito subito molta intesa, ma ho scoperto presto che è felicemente impegnato. Purtroppo questa cosa mi ha tenuto un po’ a freno, portandomi subito alla zona amicizia. Quando ho deciso di fregarmene del ragazzo e provarci davvero, trovandomi a parlare con lei mi ha confidato di avere diversi problemi in famiglia e che si sente sola perché alcune amiche non si stanno comportando correttamente con lei e altre si sono trasferite, l’unica cosa che le sta andando bene è la relazione con il ragazzo, che però al momento lavora fuori e torna solo nel fine settimana. Quando mi ha detto ciò, ho capito che l’unica cosa che volevo fare era farmi da parte, prendermi il mio tempo per crescere (il periodo in cui non ci sono lezioni e quindi non la vedo) e semplicemente vivere ciò che accade, senza false speranze che si lasci o simili. Il problema è che lei si rivolge spesso a me, soprattutto per avere qualcuno con cui parlare. Io da una parte voglio staccarmi, ma dall’altra muoio dentro vedendola star male, perché è una persona che umanamente merita tanto. Mi piacerebbe un tuo consiglio su come muovermi in questa situazione.

    • ilSensei ha detto:

      Prima di amare gli altri, dobbiamo amare noi stessi. Staccati da lei, probabilmente le farai anche del male e forse non vorrà più avere nulla a che fare con te. Ma le tue possibilità di conquistarla, vista la sua situazione, sono vivine allo zero.

  7. Fernando ha detto:

    Ciao Sensei, ho conosciuto una donna qualche mese fa, ma non funzionò per miei errori nella seduzione. Ora, mi vedo con un’altra che, guarda caso, è una sua amica. Con questa ragazza c’e attrazione e probabilmente arriveremo al sesso. Nel frattempo, ho notato una forte gelosia della ragazza “1”, che adesso sembra particolarmente attratta da me. La mia “mentalità” mi porta a voler fare sesso con entrambe le donne, ma secondo te, come è meglio agire in questo momento? Essendo amiche si frequentano abbastanza l’una con l’altra.

    • ilSensei ha detto:

      Io non andrei a letto con la ragazza n.1 fintanto che frequento la n.2. Ti assicuro, per esperienza personale, che ti ficcheresti in un casino gigantesco. Al massimo, poco prima di chiudere con la n.2, potresti sedurre l’altra sfruttando quindi la gelosia.

  8. Marco ha detto:

    Ciao Sensei, secondo te in che proporzioni, il look conta nella seduzione?

  9. Dani ha detto:

    Ciao Sensei, un po’ di tempo fa una mia vecchia amica (con cui c’era stato un bacio in passato) mi ha contattato per voler fare un’uscita con me. Accetto ma causa vari impegni di lei (che studia e lavora) abbiamo dovuto organizzarci dopo un paio di settimane. Il giorno fatidico lei da buca all’ultimo momento perchè aveva un esame pochi giorni dopo. Resto indifferente e rimandiamo a quando lei avrebbe avuto un po’ più di tempo libero. La ricontatto dopo 2 settimane, lei mi conferma che non si era scordata del nostro incontro e che ci aveva voglia di vedermi ma che in quel momento non aveva veramente tempo. Non ne faccio un dramma. La contatto solo dopo qualche settimana per fargli di compleanno ma non faccio nessun cenno all’uscita.
    Passano le settimane e con il mio gruppo vado a partecipare ad un evento che si tiene dalle sue parti e quindi ne approfitto e glielo faccio sapere. Lei mi dice che quel giorno lavora ma che quando stacca mi avrebbe telefonato così ci saremmo potuti vedere. Così non è stato e anzi oltre a non avermi contattato l’ho pure vista che stava con i suoi amici. Ho fatto finta di non vederla e sono rimasto con i miei amici e non so se lei mi abbia visto o meno, ma penso di no perchè il posto era molto affollato.
    Visti questi comportamenti non ho più questa voglia di perderci tempo, ma il mio unico dubbio (e qui vorrei sapere la tua opinione) la ignoro ormai del tutto oppure glielo faccio notare che non si è comportata bene? Provare a farle venire qualche senso di colpa potrebbe essere giocare a mio vantaggio per provare un ultimo tentativo?

    • ilSensei ha detto:

      I sensi di colpa sono cose da maschi beta, da mocciosetti viziati, se vuoi farle notare il suo comportamento poco corretto lo devi fare perché credi sia giusto per te, per la tua dignità. Altrimenti ignorala del tutto, il problema è suo, tu non hai nulla rimproverarti.

  10. Jacopo ha detto:

    Ciao Sensei, ultimamente, grazie ai consigli del tuo sito sto migliorando molto nella seduzione. Ho un solo problema: non riesco ad attaccare bottone in situazioni come la fermata del bus, ad esempio. Vorrei chiederti come essere sciolto in questi frangenti?

    • ilSensei ha detto:

      Non si è “sciolti in determinati frangenti”, dovresti esserlo sempre e andare a parlarci senza farti troppe domande. Se non riesci, allora non è un problema di “trucchetti” su cosa dire ma di autostima e fiducia in te stesso. Io ti consiglio di leggere soprattutto gli articoli e ebook sul maschio alfa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *